Made in Italy – guida a investimenti e commercio in Cina

Dalla Nuova Via della Seta al programma Made in China 2025, dai settori del commercio elettronico e dello sviluppo sostenibile ai Giochi Olimpici invernali 2022, la Cina offre alle imprese italiane interessanti prospettive in termini di commercio e investimenti.

> AIIB – quali prospettive per le imprese italiane nelle infrastrutture asiatiche?

Si è svolto a Pechino il seminario dal titolo “Strumenti finanziari pubblici di sostegno alle imprese italiane in Cina”, organizzato da SIMEST (Gruppo CDP) in collaborazione con l’Agenzia ICE e la Camera di Commercio Italiana in Cina.

All’evento – inserito nel quadro della più ampia iniziativa “La Cina cambia, l’Itala riparte” – che propone un ciclo di seminari dedicati alle principali sfide per le imprese italiane in terra cinese – hanno preso parte imprenditori, manager e professionisti del mondo della consulenza, collegati dall’Ambasciata di Pechino in modalità di videoconferenza dalle diverse sedi della rete diplomatica italiana in Cina (Shanghai, Canton, Chonqqing, Hong Kong).

> Mappa dei Rischi SACE – scenario in ripresa ma non privo di insidie > Finanziamenti agevolati SIMEST

Ad aprire il seminario è stato l’ambasciatore Ettore Sequi, il quale ha ricordato che, con oltre 11 miliardi di euro di esportazioni nel 2016, la Cina è “il primo mercato di destinazione” per il Made in Italy nell’area Asia-Pacifico e rappresenta un terzo del suo valore complessivo.

Numerose, ha proseguito Sequi, sono le occasioni di sviluppo che nei prossimi anni potranno sfruttare le imprese italiane in Cina: dalla Nuova Via della Seta all’ambizioso programma di sviluppo industriale Made in China 2025, dall’e-commerce alle opportunità nelle nuove aree urbane ecosostenibili, fino ai Giochi Olimpici invernali di Pechino 2022.

In tale ottica, ha aggiunto il diplomatico, “far conoscere gli strumenti finanziari pubblici a sostegno alle imprese italiane che vogliono commerciare o investire in Cina, o con la Cina, è fondamentale in un mercato che offre, allo stesso tempo, opportunità e sfide di varia natura”.

> Anno del turismo UE-Cina: quali opportunita’ per le imprese europee?

La Cina, ha poi sottolineato l’amministratore delegato di SIMEST Alessandra Ricci, è uno dei 15 Paesi selezionati dalla società – che insieme a SACE costituisce il Polo per l’internazionalizzazione e l’export del Gruppo CPD – “tra i must per far volare il Made in Italy”, ed è ritenuta tra le “destinazioni imprescindibili” per l’export italiano. Oltre ad essere uno dei principali Paesi di sbocco per l’export, ha ricordato infine Ricci, la Cina è anche ai primi posti al mondo per prospettive di investimento.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi