Migranti: Fontana, chiarezza su patto scellerato Renzi-Ue

“Ho chiesto oggi in Commissione Migranti che il Parlamento sia messo a conoscenza, rapidamente, di ogni dettaglio relativo al contenuto delle dichiarazioni rilasciate dall’on. Emma Bonino in merito alla decisione assunta nel 2015 dall’allora presidente del Consiglio, Matteo Renzi, di aprire i porti italiani alle navi di tutti i Paesi partecipanti all’operazione Triton e, conseguentemente, anche alle ONG” Lo dichiara Gregorio Fontana, deputato di Forza Italia e membro della commissione d’inchiesta sui migranti. “Stando a quanto riferito dall’on. Bonino, infatti, il disastro che si registra oggi, in Italia, sul fronte migratorio e’ figlio di un patto scellerato tra Renzi e i nostri partner europei. In pratica, l’attuale segretario del PD, in qualita’ di capo dell’Esecutivo, avrebbe acconsentito a far attraccare nei nostri porti le navi dei paesi nostri partner, accettando anche di ospitare in Italia gli immigrati non accolti in Europa. Sarebbe, dunque, questo il meccanismo su cui si sarebbero poi inserite le ONG, che, come sappiamo, con le loro navi – conclude Fontana – hanno fatto dell’Italia l’approdo privilegiato, se non proprio unico, dei flussi migratori.”“Ho chiesto oggi in Commissione Migranti che il Parlamento sia messo a conoscenza, rapidamente, di ogni dettaglio relativo al contenuto delle dichiarazioni rilasciate dall’on. Emma Bonino in merito alla decisione assunta nel 2015 dall’allora presidente del Consiglio, Matteo Renzi, di aprire i porti italiani alle navi di tutti i Paesi partecipanti all’operazione Triton e, conseguentemente, anche alle ONG” Lo dichiara Gregorio Fontana, deputato di Forza Italia e membro della commissione d’inchiesta sui migranti. “Stando a quanto riferito dall’on. Bonino, infatti, il disastro che si registra oggi, in Italia, sul fronte migratorio e’ figlio di un patto scellerato tra Renzi e i nostri partner europei. In pratica, l’attuale segretario del PD, in qualita’ di capo dell’Esecutivo, avrebbe acconsentito a far attraccare nei nostri porti le navi dei paesi nostri partner, accettando anche di ospitare in Italia gli immigrati non accolti in Europa. Sarebbe, dunque, questo il meccanismo su cui si sarebbero poi inserite le ONG, che, come sappiamo, con le loro navi – conclude Fontana – hanno fatto dell’Italia l’approdo privilegiato, se non proprio unico, dei flussi migratori.”



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi