Migranti, Gentiloni: non accetto improbabili lezioni da Paesi Ue

L’Italia “è un Paese impegnato a farsi carico di un peso che dovrebbe essere più condiviso in Europa, e credo che dai nostri vicini e dai Paesi della Ue noi abbiamo il diritto di pretendere solidarietà. Non accettiamo lezioni, tantomeno possiamo accettare parole improbabili e minacciose come quelle ascoltate qualche giorno fa da nostri vicini”. Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, in riferimento alle polemiche sui migranti con l’Austria e con i Paesi del gruppo di Visengrad, nel suo intervento a Torino presso la cooperativa Frassati.

“Serenamente ci limitiamo a dire che facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l’Europa intera faccia il suo dovere al nostro fianco invece di dare improbabili lezioni al nostro Paese”, ha aggiunto il presidente del Consiglio, ricordando che “l’Italia è impegnata a dare sicurezza e coesione: non è facile. E il governo è impegnato a predicare la necessità di non alimentare odi e paure”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi