Mostra: i bambini di 56 Paesi del mondo disegnano la pace

Selezione di 3mila 802 disegni da 109 scuole elementari di 56 paesi nel mondo. Sono intervenuti Eugenio Giani, il sindaco di Stazzema Maurizio Verona, il presidente dell’Associazione Colori per la pace, Antonio Giannelli

Firenze – “Ha il suo inizio, con questa mostra di disegni dei bambini, il ciclo dei festeggiamenti della Festa della Toscana 2015”. Così Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale, ha aperto l’inaugurazione della mostra “I colori per la pace”, selezione della collezione di disegni, sul tema della pace, di bambini da 109 scuole elementari di 56 paesi nel mondo, organizzata dal comune di Stazzema e dall’associazione Colori per la pace. “Oggi il via al percorso storico in Consiglio regionale – ha spiegato Giani –, sabato 28 novembre celebreremo le riforme di Pietro Leopoldo, domenica si terrà un’edizione di palazzo Aperto ricca di iniziative e il 30 novembre, ci sarà la seduta solenne dell’Assemblea toscana. Per cominciare, però, abbiamo scelto i bambini – ha aggiunto il presidente –, una scelta simbolica, che abbraccia il bellissimo progetto di questa associazione, impegnata a raccogliere disegni sulla pace dai bambini di tutti i paesi del mondo. Un progetto che la Regione incoraggerà e sosterrà. E questi disegni ci fanno vedere come i bambini nel mondo vivono e pensano la pace, e come, quando attraversano la terribile esperienza della guerra, ce la rappresentano nei loro disegni”.

Disegni da 56 paesi di tutti i continenti: 14 paesi dell’Africa, 7 dell’America, 17 dell’Asia, 16 dell’Europa e 2 dell’Oceania, come ha spiegato Antonio Giannelli il presidente dell’associazione Colori per la pace, presente all’inaugurazione, insieme con il sindaco di Stazzema, Maurizio Verona. Quella al secondo piano di palazzo Panciatichi, è una selezione dei 3mila 802 disegni attualmente raccolti. La mostra ha già una storia: ha rappresentato la Toscana all’Expo di Milano, ha raccolto oltre 8 mila visitatori in Romania, domani sarà presente al Pontificio istituto missioni estere di Milano e presto arriverà in Germania. All’incontro ha partecipato anche il ciclonauta Marco Banchelli, di recente rientrato dalla missione in Nepal. Ha portato disegni di bambini di quel paese e li ha donati all’associazione. (s.bar)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi