NUOVO REGOLAMENTO AGRICOLTURA BIOLOGICA. ZULLO (M5S)

agricoltura

NUOVO REGOLAMENTO AGRICOLTURA BIOLOGICA. ZULLO (M5S): “AVEVAMO UNA GRANDE OCCASIONE PER UNIFORMARE E MIGLIORARE LE REGOLE A LIVELLO EUROPEO: PECCATO, E’ ANDATA SPRECATA”.  

Bruxelles – “Quella di ieri poteva essere una giornata di svolta, dove finalmente si ponevano le basi per un buon regolamento sull’agricoltura biologica e in cui vi era la possibilità di uniformare le regole a livello europeo. Se è vero infatti che da un lato non si sono peggiorate le cose, dall’altro non posso però affermare che siano stati fatti passi in avanti per migliorarle. Purtroppo, questa grande occasione, è andata sprecata” dichiara l’europarlamentare M5S Marco Zullo membro della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale (AGRI).

“Ieri nel trilogo, in vista  di una definizione del testo finale del nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, si è cercato di trovare un compromesso dopo 20 mesi di negoziazioni -tra le più lunghe mai viste-  perché c’ erano parecchi punti su cui di fatto non c’era ancora un accordo: ad esempio l’import -export, la possibilità di coltivare in serra in determinate aree del territorio europeo e le soglie per la quantità di residui ammessi per poter etichettare il prodotto come biologico. L’Italia rappresenta un’eccellenza nel settore: abbiamo regole per la produzione serie e standard elevati, anche per quanto riguarda la presenza di residui di fitofarmaci: questa era dunque l’occasione per far sì che anche gli altri Stati si adeguassero a questi livelli e invece nulla è stato fatto in tale senso” incalza il parlamentare.
“Anche se la commissione era partita in modo ambizioso, si è finiti  poi ad un accordo al ribasso per l’ incapacità degli Stati di trovare una sintonia di intenti; si poteva fare di più, mi aspettavo una maggiore attenzione da parte degli Stati membri su quelli che sono gli aspetti qualitativi a dispetto degli interessi economici che, seppur leciti, non possono essere sempre l’ago della bilancia in una decisione. Oggi in Europa ognuno guarda ai propri interessi e a fatica si percepisce un senso di comunità: è fondamentale invece andare in direzione contraria e unire le forze nel conseguimento di un obiettivo comune” continua l’eurodeputato.
“Il tema era davvero importante e delicato in quanto il biologico – che ha un’ economia che si sta sviluppando molto velocemente e che cresce nonostante questo periodo storico di crisi-  meritava un approccio che mettesse al centro, al contempo, le garanzie per il consumatore” conclude Zullo.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.