PERUGINA, GALGANO (CI): IL MINISTRO CALENDA INTERVENGA

“L’esito del tavolo al Mise non ha sciolto i dubbi sul futuro di Perugina. Se, infatti, da un lato, Nestlé ha formalizzato la proposta di gestione degli esuberi che ridurrebbe ad una ventina i lavoratori esclusi da part-time, ricollocamenti e pre-pensionamenti, dall’altro non è stato detto nulla rispetto alla strategia di rilancio del brand e dello stabilimento di San Sisto. La cassa integrazione, da sola, non risolve certo i problemi dell’azienda”. Così Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, a margine dell’incontro avvenuto oggi al Mise.

“E’ urgente chiarire le sue intenzioni sul rilancio Perugina, il cui futuro produttivo non può reggersi esclusivamente sul Bacio – prosegue – Se, come potrebbe essere visto il cambiamento a livello mondo della strategia globale, non ha intenzione più di investire, abbiamo bisogno di nuove soluzioni.

“A questo proposito ho scritto una lettera al ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda – conclude Galgano – per sollecitare un suo intervento diretto. Perugina è un marchio identitario, profondamente legato al territorio, e non possiamo permettere che questo patrimonio venga impoverito o, peggio, disperso”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi