PIAZZALE CUOCO, SARDONE: “IL SUK DELLA MERCE RUBATA E’ SEMPRE LI’ NEL DISINTERESSE DEL COMUNE”

“Un nuovo servizio tv di “Striscia La Notizia” ha riconfermato, una volta di più, – commenta Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia – lo scandalo del mercato di Piazzale Cuoco. Come documentato dal programma dentro il mercato si vendono sigarette di contrabbando o rubate, elettrodomestici (tv, frigoriferi e lavatrici) rubati, cellulari sottratti ai proprietari, merce rubata nei supermercati e alimenti rivenduti tra le bancarelle, profumi rubati nei negozi e portati al mercato.

Immigrati e rom sono padroni dell’area e senza alcuna vergogna rivendicano la provenienza della merce, costantemente rubata. Nulla di nuovo ma sorprende che il Comune, pur sapendo chiaramente cosa succede dentro quell’area, continui ad accettare questo mercato dell’illegalità senza fare nulla per chiuderlo e sgomberarlo. Eppure i cittadini da anni segnalano l’indecenza di questa situazione, con tutti i disagi in termini di degrado e criminalità che ben conosciamo. Durante la campagna elettorale per Sala Sindaco l’allora amministrazione si inventò lo sgombero spot con la chiusura del mercato, solo per il periodo elettorale.
Le infrazioni sono numerose. dall’occupazione abusiva di suolo pubblico, illegalità nelle vendite al dettaglio, assenza di qualsiasi sicurezza sulla provenienza dei prodotti. Il Comune assiste inerte a questo scempio senza imporre la chiusura. Il degrado è insopportabile così come i problemi di traffico in zona.
I residenti del quartiere lamentano anche la sensazione di vivere, nel weekend, in una zona ormai assimilabile ai grandi mercati del Nordafrica. Non riescono neppure più a uscire di casa, visto che ormai i padroni della zona sono immigrati. Il Sindaco Sala quando si sveglierà?



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi