PISTA LUNGA, ITALIA 6ª CON IL TEAM PURSUIT MASCHILE

Buon esordio per gli azzurri nella prima tappa di Coppa del Mondo ad Heerenveen: bel piazzamento del terzetto tricolore nell’inseguimento a squadre, mentre Giovannini, Lollobrigida e Bettrone sono in finale di Mass Start
Andrea Giovannini, 24 anni, uno dei tre azzuri del Team Pursuit. Credit: Isu via Getty Images

Parte con il piede giusto l’Italia della pista lunga nella giornata d’esordio della prima tappa stagionale di Coppa del Mondo, il primo di quattro appuntamenti che decideranno le qualificazioni ai Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang 2018. Gli azzurri non steccano nelle gare più attese conquistando un importante sesto posto nel Team Pursuit maschile e superando indenni le semifinali di Mass Start con gli specialisti Andrea Giovannini (Fiamme Gialle Predazzo) e Francesca Lollobrigida (Aeronautica Militare).

Venerdì che si apre con le prove dei velocisti: nei 500 di Division B Mirko Giacomo Nenzi (Fiamme Gialle Predazzo) chiude 21° in 35″74, mentre al femminile Yvonne Daldossi (Carabinieri Selva di Val Gardena) è 9ª (39″27) con Francesca Bettrone (Cosmo Noale Ice) 16ª (39″79). Poi, attesissima, arriva la prova del Team Pursuit azzurro che, formato da Andrea Giovannini (Fiamme Gialle Predazzo), Nicola Tumolero (Fiamme Oro Moena) e Riccardo Bugari (C.P. Piné-Pulinet), fa meglio del Giappone nell’accoppiamento designato e si inserisce con il 6° tempo finale in 3’44″95. Un piazzamento positivo e di tutto rispetto, che permetterebbe all’Italia, qualora venisse confermato anche nelle prossime prove, di partecipare alla gara di specialità in occasione dei Giochi di Pyeongchang visti gli 8 posti disponibili per la rassegna a cinque cerchi (con uno però già assegnato per diritto ai padroni di casa della Corea del Sud). Più problematica, come nelle attese, la prova delle donne, con Gloria Malfatti (S.C. Pergine), Francesca Bettrone e Francesca Lollobrigida terminate al 10° posto in 3’14″19.

Nessuna sorpresa infine nelle semifinali di Mass Start, con i nostri specialisti Giovannini e Lollobrigida avanti in virtù rispettivamente del 9° e del 6° posto nei turni di qualificazione. In finale va anche Francesca Bettrone, bravissima nel chiudere al 2° posto la prima semifinale di specialità. Eliminato invece al maschile Bugari. La Mass Start sarà anche la gara con maggiore interesse per l’Italia domani, quando sono in programma le finali oltre alle prove sui 1500 e la seconda serie dei 500.

“E’ stato un buon esordio: nel Team Pursuit abbiamo fatto bene ma so che possiamo dare ancora di più, e nella Mass Start, ad eccezione purtroppo di Bugari, abbiamo portato i nostri tre atleti in finale. La concorrenza è altissima e va sempre presa in considerazione nel giudicare queste prove, per cui siamo soddisfatti e proseguiamo con piena fiducia”, le parole del c.t. azzurro Maurizio Marchetto.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi