Pittella: l’autostrada del Mediterraneo volano del Sud

pittella 3

 Il presidente della Regione Basilicata è intervenuto alla presentazione del piano di comunicazione Anas alla presenza dei ministri Franceschini e Delrio

“Siamo testimoni della politica del fare. Consegno un apprezzamento ai Ministri Franceschini e Delrio e al Presidente di Anas, Armani. Dopo 55 anni, c’è stato un approccio diverso per il completamento della ex Salerno – Reggio Calabria, oggi autostrada del Mediterraneo. E non è solo un corridoio da percorrere, ma un’occasione per creare empatia con l’anima di un territorio”. Lo ha detto il presidente Pittella intervenendo a Palazzo Chigi alla presentazione del piano di comunicazione Anas dell’Autostrada del Mediterraneo.

“Tra Campania, Basilicata e Calabria – è lo slogan- c‘è una strada dove ogni viaggio è una scoperta”.

L’A2, Autostrada del Mediterraneo, si propone di rivedere l’idea classica di autostrada e di infrastruttura. La “visione”- illustrata dall’Anas attraverso alcuni brevi filmati raccontati dall’attore Giancarlo Giannini- è diversa rispetto al passato.

Non solo un luogo di passaggio, ma anche un’opera attraverso la quale apprezzare e riscoprire i territori di tre regioni del Sud.

Sarà la prima autostrada ad avere un piano di valorizzazione che promuova l’offerta turistica declinandola sotto ogni aspetto: culturale, spirituale, artistico ed enogastronomico.

Le località lucane interessate al nuovo tracciato sono Maratea ed il Parco del Pollino, il Parco naturale più grande d’Italia, Patrimonio dell’Unesco.

“Sarà una occasione di conoscenza – ha sottolineato Pittella – ma soprattutto un’opportunità offerta ai cittadini per avere una “visione d’insieme” del territorio, delle peculiarità umane e culturali dei suoi abitanti, oltre che della grande storia della “Magna Grecia”.

Il Ministro del Turismo ha definito strategica l’autostrada. “Occorre governare meglio la crescita del Mezzogiorno e prepararsi ad una offerta turistica  nuova, capace di affrontare una impetuosa domanda turistica, innanzi tutto da parte della Cina.

Avere più turisti comporta anche dei rischi – ha evidenziato Franceschini – innanzi tutto quello dei danni ad un paesaggio spesso “fragile”. Per questo occorre anche un maggiore impegno politico da parte delle tre Regioni interessate ed una preparazione adeguata dei responsabili dei settori più importanti della vita economica e sociale della Campania, Basilicata e della Calabria”.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.