Più borse di studio per i giovani medici

La Regione chiede più autonomia al Governo nella programmazione dell’offerta formativa dei professionisti sanitari che in Piemonte, così come in altre regioni, risulta inferiore al fabbisogno regionale.

È quanto dichiarato dall’assessore regionale alla Sanità a fronte di un’interrogazione a risposta immediata presentata da una consigliera del Pd che, segnalando i problemi legati alla carenza di medici di base e di pediatri in alcune zone della città di Torino, chiedeva di conoscere le misure regionali da predisporre per consentire una piena copertura territoriale.

Nell’ultimo biennio la Giunta regionale ha incrementato l’offerta formativa chiedendo al Ministero della Salute di aumentare il numero delle borse di studio per il corso triennale di formazione in medicina generale allo scopo di fronteggiare la carenza di giovani medici di base. Con l’ultimo concorso la Regione ha così ampliato la quota dei borsisti, passata dagli 80 del 2015 ai 110 del 2016 ai 120 del 2017. Inoltre, nel dicembre scorso la Giunta ha deliberato uno stanziamento straordinario di 1milione e 254mila euro per attivare dieci borse di studio supplementari per gli specializzandi in medicina nelle università piemontesi.

L’assessore ha inoltre precisato che, per quanto riguarda il problema del capoluogo di regione, l’Asl Città di Torino provvederà a breve all’attribuzione di incarichi definitivi a seguito delle dimissioni di due pediatri, avvenute lo scorso dicembre. Preventivamente, in novembre, l’Asl aveva pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione gli avvisi per affidare incarichi provvisori, ma nessun candidato nella graduatoria 2017 ha accettato gli incarichi. I successivi tentativi dell’Asl di reperire i pediatri nella graduatoria 2018 non hanno avuto successo perché nessuno dei circa 400 specialisti presenti in graduatoria ha accettato. Con la revisione degli ambiti territoriali – effettuata dalla Regione il 19 gennaio scorso – che ha lo scopo di far sì che i pediatri di libera scelta stabiliscano l’ambulatorio nelle zone in cui c’è un’effettiva carenza di assistenza, si è realizzata la condizione per la pubblicazione delle carenze straordinarie e quindi per l’attribuzione di incarichi definitivi che verosimilmente saranno accettati, diversamente dai provvisori.

Per quanto riguarda i medici di medicina generale, l’Asl sta procedendo ad ultimare l’assegnazione di 14 incarichi sulla base delle zone carenti nel primo semestre 2017. Nella prossima primavera saranno pubblicate 13 carenze definite nel secondo semestre 2017 per incarichi definitivi.

Durante la sessione del question time è stata data risposta anche alle interrogazioni di una consigliera di Mli sull’impianto idrico antincendio alla Certosa di Collegno, sede centrale dell’Asl TO3, di un consigliere di Sel sull’azienda Mussa&Graziano e il futuro dei lavoratori, di un consigliere di Mns sulle azioni che la Regione intende avviare per tutelare i cittadini residenti vicino al campo Rom di via Germagnano a Torino, di una consigliera dei Moderati sulle continue chiusure a singhiozzo del Colle della Maddalena, di un consigliere di FI sul fallimento dell’azienda Borsalino, di una consigliera di FI sulle case di cura convenzionate e la continuità terapeutica dei malati cronici non autosufficienti, di un consigliere di FI sulle risorse per la realizzazione della nuova struttura ospedaliera riabilitativa di Fossano (Cn), di un consigliere di M5s sullo stato dell’iter di approvazione della variante della strada statale 21 del Colle della Maddalena, di un consigliere di M5s sul blocco sulla Torino-Pinerolo del 16 gennaio scorso, di un consigliere M5s sulle misure di tutela per i pendolari della linea Asti-Acqui Terme, di una consigliera di Mdp in merito alle lettere di opposizione alle dimissioni dei pazienti anziani malati cronici non autosufficienti da strutture sanitarie o socio-sanitarie.

ecorreggia

Interrogazioni ed interpellanze

Le interrogazioni che hanno ottenuto risposta nella seduta del 23 gennaio 2018.

Dismissione uso scolastico ex “Casa del Sordomuto”, via Arnaldo da Brescia 43, Torino

L’assessora all’Istruzione ha risposto all’interrogazione numero 1.529 presentata come primo firmatario da un consigliere del Pd che intendeva sapere in quali tempi potrà avvenire la dismissione da parte del Miur e il conseguente cambio di destinazione d’uso propedeutico alla nuova assegnazione.

L’assessora ha risposto che l’organico è stato assegnato per l’ultima volta dall’Usr nell’anno scolastico 2014/2015. Il provvedimento di soppressione è di competenza diretta del Ministero, ed è stato più volte sollecitato dall’Ufficio scolastico regionale. Anche in virtù dei ripetuti solleciti, non è possibile fare ipotesi sui tempi di dismissione. Al riguardo, la Prefettura ha richiesto l’edificio al Comune per ospitare i richiedenti protezione internazionale.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi