POLITICHE SOCIALI. BILANCIO 2018 DA 248 MILIONI DI EURO: 150MILA LE PERSONE ASSISTITE

Milano – Il bilancio di previsione 2018 della Direzione Politiche sociali del Comune di Milano si prospetta in continuità con il l’assestato 2017. I numeri del documento, presentato oggi davanti alle Commissioni Bilancio e Politiche Sociali, evidenziano un sostanziale aumento delle risorse derivanti essenzialmente da fondi statali e regionali che passano dai 71,8 milioni di euro dell’assestato 2017 agli 82,8 previsti per il 2018. A questi vanno ad aggiungersi 166,1 milioni di euro di risorse comunali per un totale di 248,9 milioni di euro.

In particolare si attestano sui 38,5 milioni di euro (di cui 6, non formalmente a Bilancio, derivanti dal reddito di inclusione per cui sono arrivate 6400 richieste a Milano) le risorse che anche quest’anno verranno stanziate per misure di contrasto alla povertà e di sostegno al reddito: un aumento graduale ma costante dal 2009 – quando il bilancio ne prevedeva 17,6 – e che fa di Milano la città che investe di più su questi temi in Italia.

Sono circa 150mila le persone coinvolte nell’ambito delle attività messe in campo per favorire la socialità e a sostegno dei più deboli. Di queste, 40mila sono gli utenti con maggiore difficoltà presi in carico dai servizi territoriali. Circa 8mila in più rispetto all’anno precedente: aumento legato alle nuove azioni di sostegno al reddito introdotte, come la Bebè card e i Baf (buoni per le assistenti familiari). Tra le nuove misure introdotte anche quella sul “Dopo di noi” per cui sono stati previsti 2 milioni di euro per finanziare interventi per favorire l’autonomia delle persone con disabilità che si ritrovano, in seguito a un lutto, senza l’assistenza dei loro cari. Ad oggi sono 319 gli utenti potenziali che hanno presentato un progetto.

Non solo, il 2018 sarà ricco di ulteriori novità: il sostegno economico ai giovani genitori quando devono procurarsi assistenza familiare improvvisa perché i figli restano a casa da scuola, un pronto intervento sociale per anziani soli nei quartieri ad edilizia privata (oggi presente nelle case popolari), la sperimentazione di infermieri di condominio nei quartieri più difficili per persone non autosufficienti.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi