Polizia Municipale, interventi contro le truffe agli anziani e il borseggio

Gli Agenti del Nucleo Progetti e Servizi Mirati della Polizia Municipale sono intervenuti, nei giorni scorsi, in un ufficio postale di Torino dove il personale segnalava una probabile truffa ai danni di un anziano di 89 anni che veniva sistematicamente privato, da diverso tempo, del denaro della pensione. Infatti, una persona, carpendo la sua fiducia, si era impossessata della carta Postamat con il relativo codice pin effettuando periodici prelievi. Raccolte le informazioni e la denuncia, con un’attività di indagine che è durata tre mesi, con controlli di immagini, prelievi, tabulati telefonici e analisi su social network, gli Agenti sono giunti alla risoluzione del problema. Un cittadino italiano di 24 anni è stato denunciato per utilizzo fraudolento di carte di credito con l’aggravante di aver approfittato di una persona anziana. Inoltre, gli Agenti di Prossimità, interessati della problematica dal punto di vista relazionale, hanno sensibilizzato i famigliari della vittima per una più consapevole e continua vicinanza al loro congiunto.

Oggi, in un’altra operazione, Vigili in abiti borghesi in servizio di “Linea sicura”, hanno notato alla fermata GTT in piazza della Repubblica, angolo corso Giulio Cesare, un individuo sospetto, già conosciuto, che guardava con insistenza le borse e le tasche delle persone in attesa del mezzo pubblico. Dopo alcuni istanti l’uomo, senza salire su alcun mezzo pubblico, si allontanava dalla zona dirigendosi nel mercato di Porta Palazzo. Veniva seguito mentre, in più occasioni, si posizionava dietro le persone presenti ai vari banchi di vendita rimanendo però totalmente disinteressato alla merce ma focalizzando la propria attenzione sulle tasche degli abiti delle signore intente agli acquisti. Dopo alcuni minuti infatti l’uomo individuava una persona davanti a un banco di articoli d’abbigliamento e con un movimento rapido riusciva a estrarre un telefonino cellulare dalla tasca del cappotto della donna. Il ladro veniva immediatamente bloccato, nonostante una resistenza, e accompagnato al Comando di via Bologna 74. Perquisito gli venivano rinvenute 11 schede di memoria micro SD e 4 carte prepagate. Il materiale è stato posto sotto sequestro giudiziario.

In stato di arresto A.C., cittadino di nazionalità marocchina, è stato successivamente accompagnato presso le camere di sicurezza di un Commissariato di Polizia



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi