PORDENONELEGGE E I POETI DELLA VALCELLINA

PORDENONE – Estate significa anche magia dei luoghi, scoperta di nuovi percorsi, sguardi rapiti: una full immersion in Valcellina non puo’ che propiziare queste sensazioni, soprattutto se ci si affida allo spirito guida di artisti che hanno respirato quelle terre e la cui opera si è sedimentata nell’incanto di quei paesaggi.  “Federico Tavan e Giuseppe Malattia della Vallata; i poeti della Valcellina” titola la nuova escursione del ciclo Pordenonelegge il territorio, come sempre proposto dalla Fondazione Pordenonelegge.it per avvicinare il pubblico a grandi personalità culturali, artistiche e letterarie e al tempo stesso ai luoghi di cui sono espressione.  Appuntamento sabato 22 luglio, con partenza alle 9 da Pordenone, arrivo ad Andreis e incontro dedicato a Federico Tavan, per la guida di Andrea Comina e Paolo Cossi. Sarà l’occasione per un giro nel borgo fra letture, narrazioni e curiosità, come l’Archivio del Fumetto d’Alta Quota. Il viaggio propone ancora la visita al Centro del Parco Naturale delle Dolomiti friulane e all'”ospedale dei rapaci”, un ristoro all’Osteria Ponte Antoi di Barcis, che schiuderà l’occhio verso gli  scorci più belli e sarà premessa del viaggio a bordo del Trenino della Valcellina. Alle 16 l’Omaggio del Premio Malattia della Vallata e del Circolo Menocchio a pordenonelegge, con la visita alla mostra “Mario Dondero. Uno sguardo, un sorriso, un gesto” e con  “Poesie e musiche” a cura di Franco Giordani. Rientro entro le 18.30 a Pordenone. La nostalgia e la celebrazione dei luoghi, la perizia carducciana e il forte sentimento lirico, l’impegno per l’emancipazione della sua vallata fanno di Giuseppe Malattia uno dei personaggi importanti del primo Novecento in Friuli. Federico Tavan porta invece un’esperienza diversa e attuale, di scontro con la realtà e di critica dell’esistente, nei modi di un ripetuto gesto di “scoronamento” rispetto alla logica dell’agire comune e della stessa comune lingua. Uno sguardo al passato con le parole della poesia, per vedere a fondo mentre si viaggia nel presente.

Federico Tavan è nato ad Andreis (Pordenone) nel 1949. Negli anni ’80 incontrò Aldo Colonnello, anima del Circolo Culturale Menocchio di Montereale Valcellina, e cominciò a frequentare la scuola “Sot/sora poesia” guidata da Antonio De Biasio e Rosanna Paroni Bertoja, rivelandosi subito come l’allievo piú indisciplinato e sorprendente. Di quella esperienza gli rimasero infatti non poche tracce del mestiere, che permise di dare forma al suo sguardo inconsueto sulle cose del mondo e su se stesso.  Nei Quaderni del Menocchio ha pubblicato quindi nel 1984 Màcheri, Lètera, e nel 1985 Cjant dai dalz e Nâf spaziâl. Nel 1994 è uscito Da màrches a madònes (Ed. Biblioteca dell’Immagine /Circolo Culturale Menocchio). Nello stesso anno è uscito il testo teatrale L’assoluzione (Circolo Menocchio). Nel 1996 Maurizio Bait gli ha dedicato una biografia: La strega sulla testa (Ed. Biblioteca dell’Immagine).

Giuseppe Malattia della Vallata

Giuseppe Malattia nasce il 25 marzo 1875 a Barcis. A dodici anni lascia il paese natio per seguire uno zio venditore ambulante e si trasferisce a Torino. Il soggiorno torinese protrattosi fino al 1906 sarà fondamentale per la formazione culturale del giovane Malattia. Autodidatta, impara il greco, il latino, l’inglese, il tedesco per studiare le opere dei grandi letterati nelle lingue originali. Nel 1904 pubblica presso la casa editrice Streglio di Torino il volumetto di poesie Edelweiss. In questo periodo fonda a Udine la Libreria Dante e il giornaletto “Il Gutenberg” ad essa collegato, che esce dal 1907 al 1909. Nel 1923 pubblica, presso la Tipografica di Maniago, il volume in friulano “Villotte Friulane Moderne” e a seguire nel 1924 “I Canti della Valcellina”. La sua attività letteraria comprende anche diversi scritti narrativi e di carattere erudito.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi