Presentate alla Bit le iniziative turistiche per Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016

MANTOVA – Un esauriente comunicato è stato diffuso in questi giorni dall’ufficio stampa territoriale per presentare gli itinerari, le visite da non perdere e le modalità di approccio alla città in occasione dell’anno 2016 che ha decretato Mantova Capitale Italiana della Cultura.

Così si è espresso il sindaco, Mattia Palazzi: “Nel 2016 a Mantova, Capitale Italiana della Cultura, sapremo accogliere, intrattenere, stupire e incantare, attraverso valori culturali legati alla tutela del patrimonio, dell’ambiente e della creatività, un pubblico sempre più vasto. Mantova propone oltre 1000 eventi da marzo a dicembre 2016. Siamo convinti che chiunque, bambino, giovane o anziano, potrà trovare a Mantova motivo di felicità e appagamento dei propri interessi. Siamo impegnati ad offrire proposte, strutture e servizi sempre migliori e a farlo sapere al mondo”.

Così invece ha spiegato il ministro Dario Franceschini: “L’idea del premio è nata durante la competizione per la capitale europea della cultura, ma quella tocca all’Italia ogni 14 anni, quindi la prossima sarà nel 2033 e l’Italia, invece, è il paese delle cento città d’arte, dei borghi, dei paesi, dei piccoli comuni, delle grandi città. Per questo abbiamo pensato di introdurre, sul modello della capitale europea, nel nostro ordinamento il riconoscimento di titolo di capitale italiana della cultura avrebbe attratto molta attenzione e avrebbe spinto, come poi è avvenuto, a una progettazione complessiva. L’iniziativa punta a rappresentare un “meccanismo virtuoso – ha concluso il ministro  – per il sistema paese, un modo per puntare ogni anno i riflettori su una città italiana attraverso un disegno di presentazione complessiva che punta sul patrimonio, sulle attività culturali, sulle eccellenze della città coinvolgendo le associazioni e le istituzioni.”

La storia, l’arte, la natura e l’enogastronomia della città gioiello della Lombardia, si offriranno così con iniziative in chiave turistica in quest’anno “magico” per una buona accoglienza,

Molte le proposte ideate e organizzate anche per il pubblico internazionale alla scoperta delle attrattive culturali, ma anche ambientali ed enogastronomiche, che hanno reso celebre la città nel mondo. Arte, architettura, archeologia, musica, natura, tipicità culinarie: Mantova durante l’anno svelerà attraverso percorsi tematici inediti tutti i suoi tesori.

A partire dal “cuore” della città, il complesso di palazzo Ducale, una vera “città nella città” che si estende dal castello di San Giorgio a Piazza Sordello e conserva meraviglie come la Camera degli Sposi del Mantegna, a Palazzo Te, villa rinascimentale costruita e decorata da Giulio Romano. Dalla Basilica di Sant’Andrea progettata da Leon Battista Alberti al Teatro Scientifico del Bibiena e alla Basilica Palatina di Santa Barbara.

Le visite però non si concentreranno solo sui monumenti e le piazze del centro storico: Mantova è anche Parco del Mincio, un’area protetta che circonda la città con tre laghi e sponde verdi da percorrere, riserve naturali e habitat da scoprire con itinerari in barca, in bicicletta o a piedi che permettono di ammirare la flora e la fauna tipica delle zone lacustri e di vedere i borghi rivieraschi che la circondano.

Altre mete come Sabbioneta e San Benedetto Po completano le proposte di itinerari.

Da non perdere anche i percorsi tra cultura ed enogastronomia, per conoscere le tipicità dei prodotti e delle ricette di Mantova, la cui cucina è stata definita “di principi e di popolo”.

Una proposta da non perdere per i turisti è la Mantova card a 20 euro, valida 72 ore, che garantisce l’accesso a 15 musei di Mantova e Sabbioneta, l’utilizzo di bus e bici pubbliche e offerte in ristoranti e hotel.

I visitatori potranno inoltre sperimentare, grazie all’app creata appositamente per Mantova Capitale, un’inedita interazione tra mondo fisico e mondo digitale: la Phigital City, tutta da scoprire.

Questi i principali itinerari ed i luoghi assolutamente da non perdere.

1 – Mantova e Sabbioneta, patrimonio dell’umanità dell’Unesco, città risalenti al Rinascimento che parlano dei Gonzaga, che impegnano – in una visita molto superficiale – per almeno un giorno; tre giorni almeno se si aggiunge anche Castellaro Lagusello.

2 – Mantova, città d’arte, città di cultura. Oltre duemila anni di storia hanno lasciato testimonianze uniche, dagli etruschi alle opere di artisti come Andrea Mantegna, Giulio Romano e Leon Battista Alberti. Occorrono 2 giorni per una visita semi completa a Mantova, visita che – in base alle scelte ed al tempo disponibile potrà essere così articolata: Mantova e i suoi tesori (1 o 2 giorni); Il Percorso del Principe, lo spirito del Rinascimento (1 giorno); Il centro storico, la città romana e medievale (½ giornata); Mantova e i borghi più belli d’Italia (3 giorni); Mantova e il Settecento (1 giorno); Mantova archeologica (2 giorni).

3 – Un viaggio tra la natura. Percorsi a piedi, in bicicletta o sull’acqua alla scoperta dei laghi e della Riserva Naturale Valli del Mincio. Anche qui le proposte sono in funzione del tempo a disposizione: Luce di Luna (½ giornata); Mantova e i laghi (½ giornata); Terra Acqua e Cielo (1 giorno).

Un discorso a parte meritano per varietà e qualità le proposte legate alla buona cucina.

4 – Enogastronomia d’eccellenza. Assaggi e lezioni per conoscere una cucina raffinata, che esalta i prodotti del territorio: Alla tavola dei Gonzaga – City Break con cooking class (2 giorni).

5 – Arte e fede: un percorso tra basiliche, santuari e reliquie sacre, può essere completato in 2 o 3 giorni.

Questi sono invece i sei monumenti o luoghi che vanno visitati per capire ed apprezzare bene Mantova. Palazzo Te: commissionato da Francesco II Gonzaga a Giulio Romano, l’edificio venne utilizzato dal marchese come luogo di svago e di alloggio per la sua amante. Il palazzo è ricco di affreschi stupendi, tra cui quelli della Sala dei Giganti, della Sala Di Amore e Psiche e della sala dei cavalli. Rotonda di San Lorenzo: risalente all’undicesimo secolo, è la chiesa più antica della città. Da vedere al suo interno gli affreschi, raro esempio di pittura romanico-lombarda. Casa del Mantegna: dimora quattrocentesca costruita dall’artista nato in provincia di Padova su un terreno donatogli dai Gonzaga. È diventato negli anni un centro artistico e culturale e principale sede espositiva della provincia. Teatro Bibiena: capolavoro settecentesco dell’architetto Antonio Bibbiena sui resti di un precedente teatro più piccolo risalente al Cinquecento. In quel luogo si esibì Mozart nel gennaio del 1770, a poche settimane dall’inaugurazione. Palazzo Ducale: residenza di una delle famiglie che governarono la città per quattro secoli, i Gonzaga. All’inizio del ‘900 l’edificio venne restaurato e attualmente è la sede del Museo statale che ospita diverse opere di rilievo di epoca romana e rinascimentale. Basilica di Sant’Andrea: progettata da Leon Battista Alberti, custodisce, all’interno della cripta, la reliquia del Preziosissimo Sangue di Cristo portato a Mantova dal centurione romano Longino. In una delle cappelle si trova il monumento funebre di Andrea Mantegna.

Mantova offre un patrimonio storico e artistico tale da essere inserita dall’Unesco nel patrimonio culturale dell’Umanità (2008), oltre a ospitare da quasi 20 anni il Festival della Letteratura.

Per informazioni turistiche: IAT Mantova Piazza Mantegna, 6 46100 Mantova, tel.: +39 0376.432432 www.turismo.mantova.it info@turismo.mantova.it

Altro Punto di informazione: Casa del Rigoletto Piazza Sordello, 43 46100 Mantova, tel.: +39 0376.288208 info@infopointmantova.it

Agenzie Viaggi: On The Road Travel Esperienze di viaggio  Via G. Chiassi, 20/e 46100 Mantova, tel.: +39 0376.1434771 www.ontheroadtravel.it;  info@ontheroadtravel.it;

Mantova Travel Group.it  C.so V. Emanuele 101 46100 Mantova, tel.: + 39 0376.224047

www.mantovatravelgroup.it info@mantovatravelgroup.it.

Franco Cortese Notizie in un click  
 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi