Prevenzione in Lombardia: screening dei tumori del colon-retto più efficace grazie al supporto delle farmacie

Lo screening dei tumori del colon-retto in Lombardia è efficace e semplice anche grazie al supporto delle farmacie, che immancabilmente offrono alle ATS la propria collaborazione per la ricerca precoce di questi tumori particolarmente diffusi, soprattutto dopo i 50 anni. I tumori del colon-retto, infatti, hanno origine quasi sempre da polipi adenomatosi: tumori benigni dovuti al proliferare delle cellule della mucosa intestinale, che impiegano mediamente tra i 7 e i 15 anni per trasformarsi in forme maligne. È proprio in questa finestra temporale che lo screening consente di fare una diagnosi precoce ed eliminare i polipi, ancor prima che abbiano acquisito caratteristiche pericolose. Considerata l’epidemiologia di queste forme tumorali – che sono le più diffuse in Italia nel totale tra uomini e donne, essendo rispettivamente il secondo tumore più comune nelle donne e il terzo più comune negli uomini – emerge l’importanza di ampie campagne di screening, che in Lombardia sono rese possibili, e particolarmente efficaci, grazie alla capillarità e alla conseguente capacità delle farmacie di includere in queste indagini preventive un’ampia fetta di popolazione.

Proprio per fare il punto sugli screening per la ricerca precoce dei tumori del colon-retto in Lombardia, si sta svolgendo oggi a Cremona un Convegno, dal quale stanno emergendo due messaggi fondamentali da indirizzare a tutta la popolazione: la non invasività di queste indagini, e per converso la loro grande efficacia nell’individuare precocemente i tumori del colon-retto.

“Le farmacie di Cremona sono state tra le prime a collaborare gratuitamente con Regione e ASL per questo screening” racconta Rosanna Galli, Presidente di Federfarma Cremona. “Grazie alla loro capillarità hanno avuto un ruolo importante nell’ampliare la partecipazione della cittadinanza. Con il supporto della farmacia è semplice per il cittadino partecipare allo screening, anche per gli abitanti dei paesi più piccoli”.

“Le farmacie partecipano con impegno a questo screening e lo fanno gratuitamente per l’importanza sociale del progetto” aggiunge Giuseppe Fornasa, Presidente di Federfarma Mantova. “La rete delle farmacie territoriali garantisce la propria disponibilità da oltre 15 anni offrendo il proprio tempo, perché con questo screening si salva la vita alle persone, permettendo di intervenire quando ancora non ci sono sintomi”.

“L’impegno delle farmacie di Cremona e Mantova e di tutte le farmacie lombarde” ricorda Annarosa Racca Presidente di Federfarma Lombardia “testimonia l’importante ruolo nell’attività di prevenzione e screening, conferito loro dalla legge dei servizi”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi