promozione turistica: presentate a roma attività 2015 della regione umbria e nuove iniziative

paparelli: “al via nuove campagne di comunicazione”

Fare il punto su quanto realizzato e sui risultati ottenuti dalla Regione Umbria nella promozione turistica, illustrare gli appuntamenti in programma per il prossimo periodo natalizio, presentare la campagna di comunicazione “A Natale regalati l’Umbria”, premiare i nove video finalisti del concorso “UmbriaMovie” sono questi, in estrema sintesi, i temi affrontati stamani, a Roma, nel corso della conferenza stampa a cui ha partecipato il Vicepresidente della Regione Umbria e Assessore al turismo, Fabio Paparelli, il dirigente del servizio turismo della Regione Umbria, Antonella Tiranti e la Manager dell’agenzia Doc, Valeria Saggio.

  “L’Umbria, nonostante il periodo particolarmente difficile dovuto agli attentati di Parigi – ha dichiarato Fabio Paparelli – continua nella sua attività di promozione turistica, come terra ricca di appuntamenti che spaziano dalla tradizione religiosa, all’arte, alla cultura, alla enogastronomia. Natale è alle porte e noi siamo pronti ad accogliere i visitatori che sono alla ricerca di emozioni, di un contesto e di un luogo straordinario. Quest’anno poi lo sarà ancora di più con il  Giubileo alle porte. Dall’8 dicembre, infatti la Regione sarà, subito dopo Roma, una meta prediletta per tutti i pellegrini e per coloro vicini al tema della spiritualità”.

   Non ci sarà soltanto religione, ma anche cultura, natura, paesaggio per la promozione del territorio, del suo essere così straordinario, che rappresenta sui mercati globali un elemento essenziale per essere competitivi.

   Dopo il successo riscontrato con la partecipazione ad Expo, gli strumenti di promozione che la Regione ha in serbo partono dai risultati ottenuti con Umbriamovie – i contatti su www.umbriatourism.it sono quadruplicati – e si attueranno ora con una campagna importante in radio, sul web e sugli autobus delle principali città italiane.

   La campagna di comunicazione che è  già stata avviata per il Natale con lo slogan ‘a Natale regalati l’Umbria’ – ha detto Antonella Tiranti  – è destinata al mercato italiano e per la prima volta abbiamo voluto impiegare i mezzi dinamici, gli openbus delle città da cui provengono prevalentemente  i turisti che visitano l’Umbria: Roma, Milano, Napoli, Bologna. Per quanto riguarda invece i mercati  esteri – ha aggiunto Tiranti – abbiamo attivato  delle ‘antenne’ per un monitoraggio dei flussi turistici,  grazie ad agenzie specializzate in Olanda, Belgio e Germania”. 

Nel 2015 la Regione Umbria ha promosso un’intensa attività di promozione e comunicazione turistica che ha portato nei primi otto mesi del 2015, rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente, ad un incremento sia in termini di arrivi (+3.70%) che di presenze (1.15%) soprattutto nel settore alberghiero. Campagne di comunicazione sono state realizzate nei mercati italiani ed esteri, con attività di marketing che ha interessato soprattutto Olanda, Belgio e Germania. A questi Paesi si sono aggiunti Cina, Usa, Inghilterra e Francia con giornalisti e blogger che hanno partecipato a press trip ed educational tour in Umbria.

   La Regione Umbria, in qualità di partner istituzionale della Fondazione Cascina Triulza, è stata inoltre presente all’interno di Cascina Triulza (EXPO) dal 1 maggio al 31 ottobre con uno spazio di accoglienza e informazione turistica e nello stesso periodo, presso la sede di ADI, Associazione per il Disegno Industriale, erano installate sette grandi immagini dedicate al cibo, tratte dal Progetto “Sensational Umbria”, che interpreta i paesaggi e le atmosfere dell’Umbria tramite il lavoro fotografico di Steve McCurry.

   Qui si sono svolti eventi dedicati alla promozione del turismo, dell’enogastronomia, della cultura, con la serata inaugurale di Umbria Jazz e la presentazione del Festival delle Nazioni di Città di Castello e altre numerose iniziative sia pubbliche che private. Dal 31 luglio al 20 agosto l’Umbria è stata presente nello spazio a rotazione delle regione sul Cardo con la mostra Convivium 2.0, con oltre 30.000 presenze. Numerosi sono stati inoltre gli appuntamenti fieristici a cui ha partecipato la Regione sia in Italia che all’estero.

   Nel fornire i dati del video contest internazionale di promozione turistica “UmbriaMovie”, promosso da Regione Umbria e dall’Agenzia doc Valeria Saggio ha evidenziato come nei due mesi di attività sono state registrate oltre 140 mila visualizzazioni, di altrettanti potenziali turisti, sul canale YouTube di UmbriaMovie ed ottenute in soli 14 giorni più di 260 candidature, mentre il sito www.umbriamovie.it in 60 giorni ha creato oltre 100 mila interazioni e attratto più di 30 mila curiosi. “Il concorso per raccontare l’Umbria, secondo le tre aree tematiche strategiche individuate per la promozione del brand Umbria (“natura, paesaggio, sport”, “cultura ed eventi”, “spiritualità” ) ha  dato ampia visibilità all’Umbria – ha detto Saggio.

L’Agenzia ha utilizzato diversi strumenti e approcci comunicativi, tra cui due campagne online internazionali e la promozione sui principali social network dei nove video in gara, dei videomakers finalisti e del progetto nel suo insieme attraverso l’hashtag #umbriamovie.

partita campagna comunicazione “a natale regalati l’umbria”

È  già partita sul web, in radio e sugli openbus di Roma, Milano, Napoli e Bologna la nuova campagna di promozione turistica della Regione Umbria dedicata al Natale. Presepi, viventi e tradizionali –  alcuni davvero insoliti – manifestazioni ricche di folklore, mille bancarelle e tante luci, alcune simbolo e riconosciute in tutto il mondo, sono l’anima di un Natale da vivere e da amare, quello che l’Umbria regala a tutti coloro che cercano un luogo magico e ricco di fascino e spiritualità. Assisi, Todi  e Orvieto sono le città scelte per rappresentare al meglio tutto questo; la Basilica di San Francesco, “luogo prediletto della cristianità”,  si illumina anche per ricordare che il primo presepe vivente della storia fu opera di San Francesco.  Orvieto invece è pronta ad ospitare i suoi visitatori, coloro che vorranno scoprire i suoi presepi, degustare i suoi pregiati vini o ascoltare la raffinata musica all’interno di spazi davvero suggestivi in occasione di “Umbria jazz winter”.

L’obiettivo di “A Natale regalati l’Umbria” – claim della campagna –  è quello di accrescere ulteriormente la notorietà della destinazione, terra di tradizioni e spiritualità, ma anche sinonimo di superba enogastronomia e luogo di quiete per rigenerare spirito e corpo.

La creatività della campagna è stata firmata dall’agenzia Salt & Pepper; la sua pianificazione è stata affidata all’agenzia The Gate Communication  che si è aggiudicata per l’anno 2016,  il media buying dedicato alla  comunicazione su stampa, web e outdoor.

gli appuntamenti di natale in umbria

(aun) –  Roma 23 nov. 015 –  L’Umbria si prepara ad accogliere il Natale.  Perugia, l’Orvietano, Città di Castello e l’alta Valle del Tevere, Amelia e il comprensorio amerino, Gubbio, Spoleto, Foligno, Todi, Assisi, la Valnerina, Terni, il Trasimeno  saranno luoghi di numerose iniziative per un calendario ricco di appuntamenti, da dicembre all’anno nuovo.

Seppur in Umbria “la Spiritualità”, con le chiese leggendarie, capolavori di architettura e scrigni d’arte, e i conventi abitati dai numerosi ordini monastici pervada la vita quotidiana di residenti e turisti durante l’arco dell’anno, la Regione assume una connotazione davvero magica con il Natale, nei  presepi, che siano tradizionali o viventi , negli eventi religiosi ed anche nei tanti mercatini dislocati ovunque e negli eventi culturali e ricreativi. Il Natale quest’anno in Umbria ha inoltre un valore in più con l’arrivo, l’8 dicembre, del Giubileo Straordinario.

Perugia per tale avvenimento aprirà il 13/12 la Porta Santa della Cattedrale di San Lorenzo. Sarà poi grande festa nel centro storico tra mercatini di Natale (che aprono il 5 dicembre), luci e presepi come quello delle Logge di Braccio Fortebraccio o quello vivente nei sotterranei della Basilica di San Domenico. Spostandosi altrove “La Natività ad Orvieto” – dall’ 8/12 al 10/01 –  è un circuito di circa 22 presepi tra artistici, artigianali e tradizionali allestiti in cavità, cantine e chiese del centro storico e in alcune frazioni. Sempre qui, dal 23/12 al 10/01 si terrà il “27mo Presepe del Pozzo”, un presepio sotterraneo con personaggi animati a grandezza naturale allestito all’interno della suggestiva grande grotta di origine estrusca del Pozzo delle Cava. Il tema di questa edizione è “l’uomo dello scandalo” realizzato da esperti scenografi cinematografici in un mix di sacro, tradizioni e mito. Città di Castello ospita la “XVI Mostra Internazionale di Arte Presepiale” – dal 5/12 al 6/1 –  200 espositori di diverse parti d’Italia per quella che è una delle più importanti iniziative di questo genere a livello nazionale.

Dall’8/12 a Gubbio, nello storico quartiere di San Martino, viene allestito un presepe a grandezza naturale che si snoda tra i vicoli della cittadina medievale. Nato dall’iniziativa di un gruppo di famiglie locali, oggi il presepe è un biglietto da visita per Gubbio in grado di portare i visitatori indietro nel tempo.

Ad Amelia, nella cattedrale è allestito un presepe permanente realizzato dall’artista locale Carlo Chiappafreddo mentre al Convento SS. Annunciata, visitabile sempre tutto l’anno quello dello spagnolo Juan Maria Oliva. Diversi poi sono quelli realizzati nei dintorni molti dei quali “viventi”.

A Città della Pieve, nei sotterranei del Palazzo della Corgna, si tiene il presepe monumentale, una tradizione che si tramanda da oltre trent’anni. Oggi è uno dei più famosi d’Italia capace di attirare ogni anno migliaia di visitatori. L’allestimento sfrutta i suggestivi spazi rinascimentali, dove sono ambientate scene ispirate non solo alla vita di Cristo ma anche al Vecchio e al Nuovo Testamento. Su tutte emerge la “Natività”, un vero omaggio all'”Adorazione dei Magi” dell’Oratorio di Santa Maria dei Bianchi, dipinta da Pietro Perugino.

A Massa Martana dal 24/12 al 6/1, il Natale avrà il singolare presepe di ghiaccio, quest’anno dedicato alla Beata Madre Speranza. Un presepe unico in Italia, con statue a grandezza naturale, scolpite su grandi blocchi di ghiaccio che brillano come se fossero di cristallo.

Ad Assisi, fulcro nevralgico della cristianità, luogo natio dell’inventore del presepio, San Francesco, i presepi saranno in ogni dove, nel centro cittadino come in periferia. Assolutamente da non perdere è la mostra “Tutti i presepi del Mondo” alla Porziuncola di Santa Maria degli Angeli di Assisi. Nel corso degli anni, gente da tutti i paesi del mondo ha donato il proprio presepe ai frati di Assisi e, nel periodo di Natale, la Porziuncola mostra le migliori opere all’interno del percorso del Roseto e nel chiostro del Convento. Altra meraviglia è il presepe monumentale nel prato della Basilica di San Francesco ad Assisi con personaggi in terracotta a grandezza naturale, l’enorme abete natalizio all’ingresso della Basilica inferiore e le opere artistiche che ogni anno la regione italiana prescelta per onorare il Patrono d’Italia dona al Convento.

Le luci fanno parte del Natale sarà anche così a Spoleto nel centro storico e a Gubbio e Terni grazie anche a due “simboli” conosciuti in tutto il mondo. A Gubbio, infatti, dal 7 dicembre, sulle pendici del monte Ingino torna il più grande albero di Natale del mondo. Oltre 300 sorgenti luminose collegate da 8.500 mt di cavi elettrici danno vita ad un effetto cromatico unico. Anche quest’anno all’albero si lega un’iniziativa benefica. Tutte le informazioni su: www.alberodigubbio.com.    
La “stella di Miranda” è un’altra importante realtà. Una stella cometa di 105 metri di diametro, 350 metri di coda per una superficie complessiva di 30.000 mq; è la più grande al mondo nel suo genere. Installata a Miranda, frazione di Terni, trasmette pace e speranza. Sarà accesa come di consueto l’8/12 pronta ad accendere l’intera vallata.

Ci sono le luci artificiali e quelle naturali, dei fuochi. I “focaracci” o “Fuochi della Venuta”, nella Valnerina, sono un momento di grande suggestione per celebrare la Traslazione della Santa Casa della Vergine di Nazareth nel 1294, quando i musulmani occuparono la città e gli angeli, secondo la tradizione locale, rimossero dal suolo la costruzione e la trasferirono in volo fino a Recanati. Da allora i fuochi sono accesi ogni anno per rischiarare le tenebre ed illuminare il cammino degli angeli. Particolarmente suggestivo il Focone di Monteleone che si svolge nella piazza medievale del paese il 9/12.

Grandi falò illuminano anche Norcia con la “Festa delle Campane”, uno degli appuntamenti di punta del nursino. A mezzanotte tutte le campane della città si muovono ad annunciare il passaggio della Santa casa della Madonna di Loreto.

Per quanto riguarda la musica e l’enogastronomia tra gli appuntamenti da segnale
Orvieto sarà lo scenario privilegiato con due manifestazioni di grande richiamo. Il 6/12 il vino è protagonista con “le cantine aperte a Natale” a cura del Movimento Turismo del Vino tra degustazioni, ricette della tradizione, musica ed idee regalo da mettere sotto l’albero. Tutte le info su www.movimentoturismovino.it. Negli ultimi giorni dell’anno, dal 30/12 al 3/1, invece si terrà l’ “Umbria Jazz Winter #23”. In cartellone, com’è tradizione della manifestazione, musica d’autore e intrattenimento di qualità, jazz impegnato e spettacolo, concerti per puristi in grado di soddisfare i numerosi spettatori che ogni anno affollano la rupe orvietana. La formula è sempre la stessa musica a 360 gradi: jazz, blues, gospel, soul a ogni ora del giorno fino a tardissima notte nei luoghi più suggestivi della città. Info su http://www.umbriajazz.com.

Per chi ha sete d’ arte la Regione ha tanto da offrire. Durante le festività sono diverse le mostre temporanee come quella in programma a  Foligno, al CIAC, dove è allestita “La Divina Commedia nell’arte contemporanea – illustrazioni dell’editio princeps”. Foligno, città in cui fu stampata la prima copia del capolavoro di Dante ospita 10 artisti del panorama internazionale dell’arte contemporanea pronti a confrontarsi con l’opera di Dante Alighieri, ciascuno con il proprio linguaggio e la propria personale interpretazione.           
Un’altro appuntamento da segnare in agenda è a Montefalco, con il ritorno dopo 167 anni della preziosa Pala della “Madonna della Cintola” ; si ricongiunge al prezioso ciclo degli affreschi che il Maestro Benozzo Gozzoli realizzò nella Chiesa di San Francesco. 

   Natale in Umbria, dunque. Per tutti i gusti. Per chi è alla ricerca di “relax” e decide di soggiornare nelle strutture dotate di centri benessere o addirittura in “un eremo” o anche per chi ama la buona tavola. L’Umbria ha molto da offire in tal senso attraverso le sue eccellenze a cominciare dal vino di Orvieto, l’olio di Trevi – quello nuovo è appena arrivato –  il tartufo nero di Norcia e quello bianco di Città di Castello e Gubbio,  i diversi tipi di pane, i legumi, gli insaccati preparati dalle sapienti mani del “norcino”, il cioccolato di Perugia. Prodotti da apprezzare tutto l’anno ai quali si aggiungono poi i dolci del Natale come il panpepato, le pinoccate, la rocciata, l’attorta.

i vincitori di “umbriamovie” Si è concluso  oggi il video contest internazionale di promozione turistica “UmbriaMovie” con la premiazione a Roma dei nove video finalisti che con linguaggi e stili diversi raccontano l’Umbria. La Regione Umbria, insieme all’agenzia sudtirolese organizzatrice del contest Doc srl, evidenzia  i risultati raggiunti in questi due mesi di attività: oltre 140 mila visualizzazioni sul canale YouTube di UmbriaMovie ottenute in soli 14 giorni, più di 260 candidature e un sito dedicato www.umbriamovie.it che in appena 60 giorni è riuscito a creare oltre 100 mila interazioni e ad attrarre oltre 30 mila curiosi.

Ogni storia – declinata in una delle tre aree tematiche strategiche per la promozione del brand Umbria: “natura, paesaggio, sport” – “cultura ed eventi” – “spiritualità” – è un originale invito di tre  minuti a visitare il territorio. La Regione Cuore Verde d’Italia si rivolge a chi si informa e pianifica il suo viaggio prevalentemente online, in particolare i giovani, con una comunicazione attuale incentrata su viralità ed efficacia espressiva. C’è l’Umbria dei paesaggi in miniatura girata in tilt-shift, quella cinematografica tra voli d’aquila e maestosi panorami, quella che ruota attorno a un frutto, l’Umbria dell’evento perfetto, quella giocosa vissuta in un girotondo o in chiave video game. E poi l’Umbria spirituale: dove il Lupo di Gubbio si racconta, da contemplare tra luoghi e atmosfere senza tempo o metafora del viaggio che porta alla crescita interiore.

Sono oltre 140 mila i potenziali turisti che dal 2 al 20 novembre hanno guardato i video di UmbriaMovie sul canale YouTube dell’iniziativa. Una visibilità importante per la Regione, risultato di una strategia che l’agenzia doc Srl di Bolzano a messo in atto utilizzando diversi strumenti e approcci comunicativi. Tra questi due campagne online internazionali, rispettivamente nel periodo iniziale e finale del concorso e la promozione sui principali Social Network dei nove video in gara, dei videomakers finalisti e del progetto nel suo insieme attraverso l’hashtag #umbriamovie.

Il ricco montepremi di 30 mila euro messo in palio è suddiviso in tre categorie che prevedono ciascuna primo, secondo e terzo classificato rispettivamente da 5.000, 2.500 e 1.500 euro. A queste si aggiungono due menzioni speciali: “Regione Umbria Expo e Territori” da 2.000 euro  e “Viralità” da 1.000 euro. In questo modo ogni videomakers riceve un riconoscimento per il suo impegno.

Questi i vincitori per la categoria “natura, paesaggio, sport”: 1° classificato Diego Bonacina con il video “Little Umbria”,  2° classificato Frederick Shelbourne con il video “L’Umbria guarda”, 3° classificato Michele Melani con il video Insert “Coin – Umbria Arcade”; per la categoria “cultura ed eventi”: 1° classificato Martina Pastori con il video “Umbria, join the event!”, 2° classificato Ruggero Longoni con il video “Il mondo in una mela”, 3° classificato Gabriele Saluci con il video “Ma quale sogno, siamo in Umbria!”; per la categoria “spiritualità: 1° classificato Tommaso Cassinis con il video “In Fabula”; 2° classificato Giuseppe La Rosa con il video “Scopri l’Umbria, scopri te stesso”; 3° classificato Jacopo Sani con il video “Steps”. Menzione speciale Regione Umbria Expo e Territori a Martina Pastori con il video “Umbria, join the event!”; menzione speciale Viralità a Frederick Shelbourne con il video “L’Umbria guarda”.

A decretare i vincitori il lavoro congiunto di due distinte giurie. La Giuria di qualità, pari al 70% del

voto finale, che ha valutato i video su cinque criteri: creatività, innovazione, storytelling, rilevanza per la promozione turistica e qualità dell’immagine. La Giuria online, pari al restante 30%, che dal 2 al 20 novembre ha contribuito al posizionamento in classifica dei video grazie alle visualizzazioni sul canale YouTube di UmbriaMovie.

I nove video potranno essere utilizzati dalla Regione Umbria per attività di promozione istituzionale online e offline.  Per guardare i 9 video: https://goo.gl/Y819RL; www.youtube.com #umbriamovie.

foto: ronk54

 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi