Proroga contratti collaborazione, l’intervento di Pittella

Il governatore lucano ha preso parte al dibattito precedente l’approvazione del disegno di legge in materia, rimarcando l’impegno dell’esecutivo nel superamento del precariato

“Da quando si è insediato il governo si è preso in carico, per responsabilità, della platea dei lavoratori precari ed ha sempre lavorato e provato a costruire percorsi che portassero alla stabilizzazione al superamento di queste problematiche”. Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, intervenendo nel dibattito prima dell’approvazione del disegno di legge della giunta che modifica l’art. 22 della legge regionale n. 39/2017 (Disposizioni in materia di scadenze di termini legislativi e nei vari settori di intervento della Regione Basilicata), che prevede la proroga al 30 giugno 2018 dei contratti di collaborazione inerenti la rete ecologica e l’infrastrutturazione verde e di quelli connessi alle attività in materia di valorizzazione artistico culturale e di valorizzazione ambientale del territorio.

“Siamo riusciti a farlo, ad esempio – ha ricordato il governatore – per l’assistenza tecnica, per il concorso Arbea, per i dipendenti precari di Acqua spa, dell’Alsia, dei consorzi di bonifica. Ed oggi per tutta la platea regionale dei precari. Ci sono già numeri importanti di stabilizzazioni maturate ed altre potranno esserci ulteriormente rispetto a quelle già fatte. Credo che il Consiglio ed i potenziali interessati potranno rendersi conto di quale lavoro è stato espletato. Il governo regionale non prova a foraggiare il precariato, ma si impegna – ha messo in chiaro Pittella – per mettere fine ad una condizione che per una parte della platea dura da 20 anni. Nei prossimi giorni ci sarà una nostra comunicazione in merito sul nostro operato in tal senso”. Rispondendo all’accusa di provvedere a rinnovare contratti in periodo elettorale Pittella ha detto che “si tratta di azioni messe in campo per etica e non per altro, frutto di un impegno diretto del governo regionale e della maggioranza. Potremmo anche in consiglio regionale andare a ridiscutere senza nessun problema tale materia e se ci saranno norme e numeri alla mano non escludiamo la possibilità di fare cose diverse, magari migliori. Siamo aperti ad ogni suggerimento. Esiste un pezzo di precariato, che nonostante i nostri sforzi non ha ancora trovato una propria rappresentazione. Davanti a queste criticità può anche essere che non abbiamo interpretato a sufficienza quel grido di dolore e quella amarezza. Ecco perché – ha concluso il governatore – dobbiamo provare a stare sulle questioni e sulla verità e cercare di agire, nel rispetto dei ruoli, anche insieme al mondo sindacale che è fondamentale”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi