Province, Manghi: ‘Rilancio finalmente possibile’

“La Legge di Bilancio 2018 torna finalmente a dare dignità e, soprattutto, risorse finanziarie alle Province, e questa è una buona notizia in primo luogo per i cittadini che dalla Finanziaria 2015 in poi erano stati costretti a subire una inevitabile penalizzazione di molti servizi essenziali a causa di tagli indiscriminati”. E’ quanto dichiara il presidente della Provincia di Reggio Emilia e presidente regionale dell’Upi Giammaria Manghi commentando le misure sulle Province definite nella Legge di Bilancio 2018.

“La possibilità di tornare a definire programmi pluriennali e l’azzeramento del taglio delle risorse destinate ai servizi per il 2018 e per gli anni a seguire lasciano finalmente intravedere una ripresa, seppur non semplice, a causa della la situazione di estrema difficoltà in cui son stati ridotti i bilanci delle Province dopo anni di tagli”, aggiunge il presidente Manghi. “Nel Paese sono ben 13 le Province in dissesto o in pre-dissesto e quella di Reggio Emilia, pur avendo sempre avuto i conti in ordine, solo nell’ultimo quinquennio ha dovuto restituire allo Stato quasi 100 milioni di euro, 100 milioni in meno innanzitutto per la sicurezza di strade e scuole”, continua Manghi, salutando dunque positivamente “i 30 milioni annui per tre anni destinati ad aiutare ad uscire dallo squilibrio quelle Province i cui bilanci non hanno retto a causa dei tagli insostenibili”, ma soprattutto “il rilancio degli investimenti, sostanzialmente bloccati da anni di mancate risorse, che sarà ora possibile grazie a un fondo pluriennale di 1 miliardo 620 milioni che servirà a restituire dignità alla viabilità provinciale in tutta Italia e ad avviare un primo piano di investimenti anche sui 960 chilometri di strade e sui 650 ponti, gallerie e viadotti gestiti dalla Provincia di Reggio Emilia”.

“Si tratta di una misura strategica per il Paese, ottenuta grazie alla sensibilità del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, che ha voluto condividere con le Province questa sfida per il rilancio delle infrastrutture locali”, conclude il presidente Manghi sottolineando anche l’importanza “della fine dell’assurdo blocco che impediva alle Province autonomia organizzativa sul personale: in una logica di sostenibilità finanziaria, sarà ora infatti possibile sostituire il personale tecnico e amministrativo indispensabile per garantire servizi fondamentali ai cittadini a partire dalla sicurezza di strade e scuole”



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi