Rapporto ISPAT sulla spesa pensionistica in Trentino

Nel 2015 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 2.504 milioni di euro, è aumentata dell’1,7% rispetto all’anno precedente ed incide sul Pil per il 13,3%. Questo il dato che emerge rispetto ad un rapporto pubblicato dall’ISPAT, relativo alla consistenza e alla dinamica della spesa pensionistica registrata in provincia di Trento per l’anno 2015.

L’importo medio annuo delle pensioni è di 13.084 euro, 332 euro in più rispetto al 2014 (+2,6%). Nel corso del 2015 la crescita delle pensioni è stata superiore all’inflazione. I pensionati sono 138.942, 155 in meno rispetto al 2014, in media ognuno percepisce 18.025 euro all’anno (320 euro in più rispetto al 2014) tenuto conto che, in alcuni casi, uno stesso pensionato può contare su più di una pensione. Le pensioni di Invalidità, Vecchiaia e Anzianità e le pensioni ai Superstiti assorbono la quasi totalità (93%) della spesa pensionistica complessiva; più contenuto il peso delle pensioni di invalidità (5,2%) e indennitarie (1,7%). Il 76,7% dei pensionati ha più di 64 anni. Una quota significativa di beneficiari (20,1%) ha un’età compresa tra 40 e 64 anni e il 3,2% ha meno di 40 anni.
(fm)



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi