Rifiuti abbandonati. Trevisi (M5S): “Ordinanza tardiva

“Le strade di periferia e le campagne pugliesi sono invase da rifiuti di ogni tipo. Da mesi denunciamo l’abbandono di buste dell’immondizia, copertoni d’auto, materiali di risulta e anche materiali potenzialmente pericolosi come l’eternit. La risposta della giunta Emiliano è stata una delibera spot arrivata quando era ormai troppo tardi”. A dichiararlo è il consigliere del M5S Antonio Trevisi, che torna a parlare dell’ordinanza con cui la Regione Puglia ha stanziato 1 milione di euro in favore dei Comuni, per aiutarli nella raccolta straordinaria dei rifiuti che si accumulano sui cigli stradali, soprattutto di quelle strade di percorrenza a vocazione turistica. “Molte amministrazioni comunali hanno perso una occasione importante – continua il consigliere pentastellato – per bonificare dai rifiuti e rivitalizzare strade e paesaggi sul territorio pugliese. Purtroppo si ha sempre la sensazione che questa sia la giunta delle buone intenzioni, che però puntualmente non si concretizzano per colpa dei tempi e della cattiva gestione amministrativa e organizzativa. Occorre agire a monte per evitare il crearsi di discariche abusive accompagnando ed incentivando aziende e cittadini nelle pratiche di riutilizzo dei rifiuti e nella raccolta differenziata”. Secondo Trevisi bisogna procedere quanto prima all’installazione di telecamere per individuare i responsabili di questi comportamenti e sanzionarli. Altro passo avanti l’approvazione in Consiglio della Proposta di Legge presentata dal M5S “Verso un’Economia Circolare a Rifiuti zero”. “L’unica soluzione – conclude – è trasformare il rifiuto in una sorta di moneta complementare da utilizzare per ridurre le tasse come previsto nella nostra proposta. In questo modo al rifiuto verrebbe dato un valore economico, e ne verrebbe disincentivato l’abbandono”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi