Salvaiciclisti-Roma e Cittadini per l’Aria insieme per misurare la qualità dell’aria a Roma

Salvaiciclisti-Roma aderisce alla campagna nazionale NO2, NO GRAZIE – STOP AI DIESEL IN CITTA’,
per monitorare dal basso l’inquinamento atmosferico da biossido di azoto nella città di Roma.

La presidente dell’Associazione “Salvaiciclisti Roma”, Sabrina Grisoli e il responsabile del progetto, Paolo De Luca: “Aderiamo alla campagna di Cittadini per l’Aria poiché anche a Roma la situazione della qualità dell’aria è molto critica”.

L’Italia è il paese Europeo con il record di morti premature causate dal biossido di azoto (NO2): 17.290, in un anno. Eppure, le amministrazioni non prendono provvedimenti adeguati a limitare la
circolazione dei veicoli diesel, i principali responsabili di questo inquinante dell’aria. Per cambiare questa situazione di stallo che danneggia la salute di tutti, Salvaiciclisti Roma ha aderito al progetto di scienza partecipata “NO2, NO GRAZIE” promosso da Cittadini per l’Aria Onlus.
Gli abitanti dell’area metropolitana di Roma sono costantemente esposti a livelli di inquinamento atmosferico da biossido di azoto (NO2) di gran lunga superiori ai limiti di legge (40 µg/m3 media annua).
La media delle concentrazioni di NO2 misurate a Roma dal 1° gennaio ad oggi è compresa tra 40 µg/m3 per il sito di Cinecittà e 61 µg/m3 per i siti di Eur Fermi e Magna Grecia.
Le cause e gli effetti dell’inquinamento atmosferico da NO2 Il traffico veicolare, e in particolare quello dei veicoli diesel, è la sorgente che più contribuisce ai livelli di ossidi di azoto (NOx), di cui l’NO2 fa parte. I veicoli diesel, anche se di ultima generazione,
emettono, nella grandissima maggioranza, quantità di NOX mediamente 4/5 volte superiori il limite di legge. Il biossido di azoto provoca irritazioni delle mucose, asma, bronchiti, edemi polmonari ed enfisemi. I soggetti più a rischio sono bambini, anziani e persone già affette da patologie all’apparato respiratorio. Le ultime ricerche scientifiche hanno inoltre messo in evidenza effetti nocivi sul feto, sullo sviluppo polmonare di neonati e bambini e danni al sistema cognitivo dei più piccoli e degli anziani.

Il nostro progetto

L’iniziativa, al via oggi, è il primo monitoraggio dal basso dell’inquinamento atmosferico da NO2 che si svolge a Roma. Le rilevazioni verranno effettuate, oltre che a Milano, capofila del progetto, anche a Brescia e Bologna grazie alla collaborazione con le associazioni Basta Veleni di Brescia e Aria Pesa di Bologna.
“Per lanciare un segnale inequivocabile a una classe politica timida e immobile, partiamo dal basso, con una mobilitazione nazionale. Chiediamo ai cittadini di impegnarsi in prima persona per due beni comuni inestimabili: l’aria e la salute. I diesel vanno banditi al più presto dalle nostre città, perché hanno emissioni molto elevate”, lo spiega Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’Aria.

Le richieste alla politica

Francia, Germania e Regno Unito hanno già deciso quando fermeranno la vendita di auto diesel (e anche a benzina). Alcune città, come Copenaghen e Oxford, hanno introdotto propri divieti molto ambiziosi sia per i diesel che per tutti i veicoli inquinanti. “Tutti questi casi ci dimostrano che è possibile fare qualcosa”, conclude Gerometta. “Bisogna agire subito, con coraggio e decisione per riportare i livelli di NO2 entro i limiti di legge nel più breve tempo possibile: in gioco c’è la salute di tutti”.

Per aderire alla campagna
NO2, NO GRAZIE propone ai romani di aderire e promuovere il progetto impegnandosi a posizionare un campionatore nel proprio quartiere. Un’azione semplice e veloce, che però consente di ottenere dati importanti. Il campionatore non avrà bisogno di alcuna manutenzione, dovrà essere semplicemente installato e rimosso al termine del periodo di rilevazione.
Per aderire al progetto basta un piccolo contributo economico che verrà utilizzato per acquistare i campionatori e per eseguire le analisi dei dati. Nel contributo è compresa l’iscrizione a Salvaiciclisti Roma e a Cittadini per l’Aria.
Chiediamo di dare la propria disponibilità al progetto entro il 31 dicembre 2017. Ad inizio 2018 verranno quindi distribuiti i campionatori e, compatibilmente con gli aspetti organizzativi, nel mese di febbraio verrà effettuata la misurazione.
I dati raccolti verranno quindi analizzati e raccolti in mappa che verrà presentata nel corso di un evento pubblico.

Roma, Milano, Brescia e Bologna. Con il sostegno di Patagonia e ClientEarth Roma non è l’unica città coinvolta nel progetto NO2, NO GRAZIE.
Grazie alla collaborazione con le associazioni Basta Veleni e Aria Pesa il monitoraggio sarà effettuato anche a Brescia e Bologna, oltre che a Milano.
NO2, NO GRAZIE è realizzato grazie al contributo di Patagonia e al sostegno di Client Earth, organizzazione non profit attiva in Europa e nel mondo, che cerca soluzioni pratiche alle sfide ambientali del nostro tempo, utilizzando gli strumenti del diritto e della scienza.
Proprio insieme a ClientEarth, Cittadini per l’Aria ha fatto ricorso al TAR della Lombardia lo scorso febbraio per chiedere alla Regione l’aggiornamento, attualmente in corso, del PRIA



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi