SAN GIOVANNI: SI’ ALLE CELEBRAZIONI

fuochi artificio

SAN GIOVANNI: SI’ ALLE CELEBRAZIONI, RISERVANDO LA MASSIMA ATTENZIONE AGLI STANDARD DI SICUREZZA

I fuochi artificiali, ad impatto limitato rispetto all’anno scorso, dureranno complessivamente 32 minuti

TORINO – Questa mattina la Giunta comunale ha dato il via libera e ha approvato il programma delle manifestazioni per il Santo Patrono del capoluogo piemontese. Successivamente la Sindaca Chiara Appendino ha comunicato la decisione al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si è riunito in Prefettura, dove sono state definite le misure in tema di sicurezza da adottare, in particolare, in piazza Vittorio Veneto e nelle aree circostanti durante il pomeriggio e la serata del 24 giugno, in occasione dello spettacolo pirotecnico in riva al Po. La validazione definitiva domani in Questura alla presenza di tutti i soggetti coinvolti. I fuochi artificiali, ad impatto contenuto rispetto all’anno scorso, dureranno complessivamente 32 minuti.

Sulla decisione di autorizzare lo svolgimento degli eventi per la tradizionale festa di San Giovanni, la Sindaca Chiara Appendino ha dichiarato: 

“In questi giorni si è dibattuto molto a riguardo delle celebrazioni di San Giovanni. Abbiamo letto e ascoltato tanti pareri e opinioni, favorevoli e contrari. Un sindaco, però, ha il dovere di tracciare un percorso e per questo, insieme alla Giunta, abbiamo deciso che le celebrazioni di San Giovanni si svolgeranno nel modo tradizionale e rappresenteranno per la città un nuovo inizio. Durante il tradizionale farò del 23, dedicheremo un momento di raccoglimento a Erika. Il direttore del Salone del Libro, Nicola Lagioia, leggerà un brano, ricordando la sfortunata ragazza. Il 24, invece, in piazza Vittorio saranno garantiti i massimi standard di sicurezza per tutte le persone che vorranno assistere ai fuochi d’artificio”.

E ancora: “Torino è una città che ha sempre saputo reagire alle difficoltà, conservando la memoria del passato ma con lo sguardo rivolto al futuro. Così, quest’anno, San Giovanni sarà lo spartiacque tra ciò che è stato e ciò che sarà, perché, se è vero che non possiamo tornare indietro e cambiare il passato, è altrettanto vero che possiamo tutti iniziare – ora – a costruire un nuovo futuro.

Torino continuerà a vivere suoi eventi, a vivere le proprie piazze, ma lo farà in modo diverso, forte della dura lezione appresa in queste ultime settimane”.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.