SENZA STIPENDIO E PROSPETTIVE GLI EDILI DI CALATA BETTOLO CHE HANNO EFFICIENTATO IL PORTO DI GENOVA

Genova – Sono al sesto giorno consecutivo di sciopero i lavoratori edili di Calata Bettolo. In questi anni hanno reso ancor più efficiente il Porto di Genova con il dragaggio e il riempimento nella zona adiacente la Lanterna, ma oggi pagano il prezzo delle vicende giudiziarie che hanno colpito Tecnis appaltante dei lavori. L’Azienda, a livello nazionale è una delle principali realtà nel settore delle costruzioni con 557 dipendenti diretti, ma 455 milioni di euro di debiti, ed è stata nuovamente commissariata. L’impegno del sindacato nazionale su questa vertenza è totale a salvaguardia di tutti i cantieri operanti nel nostro Paese. La situazione genovese è senz’altro tra le più critiche in quanto gli edili sono senza stipendio da ormai 4 mesi – nonostante l’Autorità di Sistema abbia finanziato integralmente l’opera – e soprattutto non vedono alcuna prospettiva futura di lavoro. Si sta infatti approssimando la fine delle lavorazioni e del successivo collaudo e niente è ancora stato risolto  per questi dieci lavoratori. Anche per questi motivi è stato chiesto un incontro in Prefettura al fine di rappresentare una situazione che per gli edili sta diventando drammatica.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi