Tensione negli Uffici dell’Anagrafe, la Polizia Locale arresta un violento

ROMA – Urla, calci e minacce: sono stati attimi di paura quelli vissuti questa mattina dagli impiegati dell’ Anagrafe di via Petroselli, intorno alle 11:00, quando G.I.M., 50enne richiedente asilo di nazionalità irachena ha perso il lume della ragione ed ha tentato di aggredire gli addetti allo sportello.

In realtà l’uomo si era presentato anche il giorno precedente, manifestando già in quell’occasione la sua aggressività, tanto che da stamattina gli agenti della Polizia Locale che sono in servizio negli uffici erano al primo piano.
Alle prime escandescenze, infatti, i due Vigili sono intervenuti, cercando di portarlo inutilmente alla ragione, anche perchè negli uffici, oltre agli impiegati comunali, c’erano cittadini con bambini, spaventati dalle urla.

La rabbia dell’iracheno a quel punto si è rivolta verso gli agenti, iniziando dapprima con sputi, e tentando poi di colpirli: ne è nata una colluttazione, terminata con l’arresto dell’uomo, grazie anche all’ausilio di altri rinforzi, giunti subito dal gruppo Trevi.

Messo in condizione di non nuocere a sè e agli altri, è stata chiamata una ambulanza con un medico psichiatra, visti gli evidenti segni di squilibrio mentale che l’uomo manifestava.

Alla fine i sanitari hanno disposto il trasporto dell’uomo in ospedale: l’agente che ha avuto la colluttazione ha avuto anch’egli bisogno di lievi cure mediche.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi