TERRORISMO; STORACE: “PER GIUBILEO DA GOVERNO SOLO ANNUNCI PER SICUREZZA A ROMA”

“L’annuncio dell’arrivo nella Capitale di 140 volanti, 50 moto, 100 auto civetta e 400 agenti in più, ai quali verranno dati un totale di 221 giubbotti antiproiettile, non rassicura per niente e appare una pezza a colore messa all’ultimo minuto con lo scopo di rassicurare i cittadini con un po’ di divise in giro che di garantire reale sicurezza”.
Lo scrive Francesco Storace, vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e segretario nazionale de la Destra.
“La latitanza clamorosa dei due super ricercati per gli attentati di Parigi – prosegue Storace – è la dimostrazione più plastica e tangibile di quanto poco servano le divise visibili, per quanto importanti, e quanto serva di più l’intelligence: il presidente di Confcommercio Roma, Cerra, parla di 30mila posti letto totalmente non censiti a Roma; gli attentatori di Parigi avevano affittato case vacanze come basi logistiche ma gli investigatori l’hanno scoperto a posteriori. Questi due terroristi sono in fuga dalle polizie di mezza Europa e dai loro compari di cinture esplosive: di quali protezioni godono? Chi li fiancheggia – domanda Storace su Il Giornale d’Italia – nasconde, finanzia, nutre, sposta? Queste sono domande da intelligence e non basta, quindi, un annuncio, peraltro piuttosto povero, di qualche centinaio di agenti in più per rassicurare. Rimane da affidarci alla sagacia dei nostri Servizi Segreti, considerati fra i più attendibili, tenendo a mente che, per ogni giorno in cui non succede nulla, vuol dire che i Servizi di intelligence hanno ben lavorato. Speriamo – conclude Storace – di non dover mai scoprire il contrario”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi