TRASPORTI: CODACONS VINCE BATTAGLIA AL TAR SU DIVIETO DI CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI

codacons negativo.eps

TROPPE DEROGHE AI DIVIETI E CONCESSE CON TROPPA FACILITA’ MINANO SICUREZZA STRADALE

“Siamo soddisfatti per la decisione del Tar che, ancora una volta, ci da pienamente ragione sui divieti di circolazione per i mezzi pesanti”. Lo afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi, commentando la decisione del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso presentato dall’associazione contro il decreto del Ministero dei Trasporti che introduce il “calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati nell’anno 2017 nei giorni festivi”.

I giorni di divieti di circolazione per i mezzi pesanti sono insufficienti – spiegava il Codacons nel ricorso –  In base agli ultimi dati Istat, infatti, il venerdì è il giorno della settimana in cui si concentra il maggior numero di incidenti (il 15,4% del totale); la domenica avvengono, però, i sinistri più gravi (3,1 morti ogni 100 incidenti), seguita dal sabato (2,3). Proprio in ragione di ciò è inaccettabile che il Ministero non abbia ritenuto necessario estendere le limitazioni della circolazione al venerdì e ad ulteriori sabato, in quanto giornate correntemente caratterizzate da un elevato numero di incidenti.

A ciò si aggiunga l’irragionevolezza della scelta del Ministero di non estendere i divieti di circolazione a giorni caratterizzati da un notevole afflusso di vetture sulle nostre strade, in quanto subito antecedenti o immediatamente successivi a giorni di festa, come ad esempio nel caso di martedì 18 aprile, giorno successivo al lunedì di pasquetta, o a quello di lunedì 2 gennaio, giorno successivo al Capodanno. Da ultimo, il decreto lasciava sostanzialmente inalterato il potere dei Prefetti di concedere provvedimenti autorizzativi in deroga, che consentono ai veicoli autorizzati di circolare anche in giorni normalmente coperti dalle limitazioni previste da calendario.

“Il sistema dei divieti finisce spesso per rimanere inefficace, con gravi conseguenze per la circolazione e per la sicurezza stradale – prosegue Carlo Rienzi – In tal senso il Tar ci ha dato ragione, ordinando al Ministero di fornire criteri puntuali sul tema, ravvedendo “disomogeneità rilevanti, a livello locale, nel rilascio di deroghe ai limiti di circolazione dei mezzi pesanti”.

 

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.