TRASPORTI, VALETTI: REGIONE E OPERATORI FERROVIARI INCAPACI DI GESTIRE I TRENI REGIONALI

TRASPORTI, VALETTI: “REGIONE E OPERATORI FERROVIARI INCAPACI DI GESTIRE I TRENI REGIONALI. TEMPERATURE SOTTO ZERO E NEVE IN PIEMONTE SONO COSA NORMALE, NON EMERGENZA. CHI SBAGLIA DEVE PAGARE”

TORINO – Tratte ferroviarie bloccate e pendolari obbligati ad utilizzare l’auto in condizioni di rischio. Proprio quando le strade sono ghiacciate i pendolari piemontesi sono impossibilitati ad usare il treno, in teoria il mezzo più sicuro e affidabile.  

Danni alle linee aree in zona Lingotto lunedì 11 e a Chivasso martedì 12, hanno causato il blocco totale della circolazione, non solo delle linee interessate dalla neve. Inaccettabile per un servizio ferroviario metropolitano che vuole essere l’ossatura del trasporto torinese.

I gestori dei servizi ferroviari non sono stati capaci a prevenire problemi di un gelo ampiamente annunciato. Le stesse risposte di RFI si limitano a spiegare sommariamente che le misure adottate non sono state sufficienti. Vogliamo sapere nel dettaglio cosa si è fatto, cosa non ha funzionato e perché, come far sì che non succeda più.

La Regione si dimostra interlocutore inadeguato a richiedere un servizio dignitoso per il Piemonte. Continueremo a chiedere dati certi, penali per le aziende e risarcimenti ai pendolari. Se occorre, coinvolgendo il Ministero dei Trasporti per un problema che ha l’aria di una debacle annunciata, visti i continui tagli alle ferrovie regionali per investire unicamente sull’alta velocità.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi