TRIPUDIO AL PALATRENTO

TRIPUDIO AL PALATRENTO: IN 4.000 APPLAUDONO IL SUCCESSO IN RIMONTA PER 3-2 DEI CAMPIONI D’ITALIA SULLA CAPOLISTA MODENA

La miglior Diatec Trentino di questa prima parte di stagione getta sul campo il cuore oltre alla tecnica e la tattica e regala un’altra grande soddisfazione ai quattromila spettatori presenti al PalaTrento: la prima battuta d’arresto stagionale della DHL Modena, che costa agli emiliani il primo posto in classifica (ora ad appannaggio di Civitanova), porta infatti, come già successo nello scorso campionato, la firma della squadra di Stoytchev. Il remake della sfida che ha assegnato tutti i titoli italiani nell’anno solare 2015 ha premiato quindi i Campioni d’Italia, capaci di confezionare in oltre due ore di gioco un 3-2 in rimonta importantissimo sia per l’economia della classifica dei tricolori (sempre terzi a due punti dalla vetta) sia per il morale della squadra di Stoytchev.
Con un servizio sempre più affilato (8 ace, quattro solo dell’mvp Antonov) e un muro in costante crescita, i padroni di casa hanno saputo cambiar marcia nel momento peggiore del loro match, ovvero quando la DHL è passata a condurre sull’1-2 dopo aver perso il primo set. Ad invertire nuovamente la tendenza non ci ha pensato solo lo schiacciatore italo-russo (14 punti) ma anche la concretezza di Djuric in attacco (best scorer con 24 punti ed il 53%), la freddezza di Lanza nei momenti importanti e l’ottimo contributo fornito da Daniele Mazzone, nuovamente bravo a sfruttare l’occasione e a farsi trovare pronto dal secondo set in poi al centro della rete al posto di Van de Voorde. Dopo tre set di alto livello a rete, Modena è invece calata in attacco, muro e battuta e ha concluso il match ai margini lasciando spazio al tripudio del PalaTrento.
La cronaca della gara. Lo starting six della Diatec Trentino non presenta novità rispetto al match alle ultime uscite ufficiali: con Urnaut ancora ai box le diagonali scelte da Radostin Stoytchev sono quelle viste sovente in campo in novembre Giannelli-Djuric, Lanza-Antonov, Solé-Van de Voorde (preferito in avvio a Mazzone), con Colaci libero. La DHL Modena scelta da Angelo Lorenzetti per questo match prevede Bruno alzatore, Vettori opposto, Nikic e Petric schiacciatori (assente Ngapeth), Saatkamp e Piano al centro, Rossini libero. Gli ospiti escono meglio dai blocchi di partenza con Nikic e Vettori subito in palla in attacco (4-6, 6-9) ma Lanza (attacco e ace) trova la parità già a quota 10. A metà parziale Trento mette la freccia con un muro di Solé su Saatkamp (15-14) ma un ace di Petric ribalta di nuovo la situazione (18-19). Djuric firma un break point sul 20-19; si va allo sprint, deciso da un errore di Vettori (24-22) e poi da un servizio lungo sul 24-23 di Petric.
Sul filo dell’equilibrio anche l’avvio del secondo set, con Lanza sugli scudi a muro ed in attacco (6-5), prima che il muro emiliano con Petric e Saatkamp si esalti creando il +3 emiliano (7-10). Stoytchev spende un time out discrezionale ma la DHL non perde il ritmo e con Vettori vola sul 7-12. L’allenatore bulgaro allora rileva Van de Voorde per Daniele Mazzone ma la mossa non sortisce l’effetto sperato (12-17, errore proprio nel neoentrato in attacco), almeno in un primo momento perché un ace del torinese rialimenta le speranze trentine (16-18). La pausa richiesta stavolta da Lorenzetti schiarisce le idee ai modenesi che in seguito non sbagliano più nulla (17-21) e anzi approfittano degli errori dei tricolori per chiudere alla svelta sul 19-25 grazie ad un servizio in rete di Solé.
Nel terzo set c’è ancora Daniele Mazzone in diagonale a Solé al centro della rete ma sono i muri di Giannelli (due consecutivi su Nikic) a scuotere Trento (5-4); la DHL non si scompone e con Vettori trova il nuovo vantaggio in corrispondenza dell’8-10 quando Saatkamp alza la barriera su Antonov (8-10). Djuric (attacco e ace) riporta sotto i suoi (10-10), ma Nikic sempre col servizio fa male alla linea di ricezione trentina (12-15) e Petric sfrutta il buon momento per firmare il +4 (13-17). Solé firma il meno due in attacco (15-17), poi Mazzone tiene in vita le speranze murando Saatkamp (17-19), imitato da Antonov (19-20). Modena avverte il pericolo e con Nikic riparte immediatamente (19-23) portandosi poi sull’1-2 nel computo dei parziali grazie al muro di Piano su Lanza per il 21-25.
La Diatec Trentino reagisce nella parte iniziale del quarto periodo: Antonov (attacco e due ace) e Djuric suonano la carica per il 7-3. L’italo-russo indovina una lunghissima serie al servizio che proietta i Campioni d’Italia sul +6 (9-3). Lanza si esalta in attacco e allarga da solo il margine sino al 12-5. In seguito la squadra di Stoytchev tiene stretto il bottino di break point (14-7, 17-10), ma nella parte conclusiva gli ospiti prova riemergere con Nikic e Petric (19-14, 20-16). Le mani di Giannelli però non tremano e Antonov ha ancora il braccio caldo al servizio (23-17); a portare il match al tie break è però un errore del di Nikic (25-20).
Il quinto set si apre coi muri di Trento: Mazzone e Giannelli fermano in rapida successione due volte Petric per il 5-3; Antonov aumenta l’andatura (9-5) e Solé completa l’opera murando Piano (12-6). Chiude Lanza per la gioia quattromila del PalaTrento (15-10).
“Dopo aver perso il terzo set eravamo in una brutta situazione, ma siamo stati bravi a ripartire grazie a tante componenti  – ha spiegato a fine gara Radostin Stoytchev – . Il servizio di Antonov, e non è una novità, la maggiore attenzione tattica e la determinazione del gruppo sono state le principali ma non le uniche. E’ una vittoria importante che probabilmente vale più dei punti conquistati stasera: Modena è più forte di noi ma Trento ha trovato ancora una volta il modo per vincere la partita. Dispiace non potersi godere pienamente questo 3-2 perché da domani dovremo pensare già alla prossima partita”.
Mercoledì 25 novembre a Molfetta (ore 20.30 – diretta RAI Sport 1 e Radio Dolomiti) il prossimo impegno di regular season SuperLega UnipolSai 2015/16 per i Campioni d’Italia che poi già fra sette giorni (domenica 29, ore 18) saranno di scena nuovamente al PalaTrento per l’ottavo turno di gare.

Di seguito il tabellino della gara della sesta giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2015/16 giocata questa sera al PalaTrento.

Diatec Trentino-DHL Modena 3-2
(25-23, 19-25, 21-25, 25-20, 15-10)
DIATEC TRENTINO: Van de Voorde 1, Giannelli 5, Lanza 16, Solé 7, Djuric 24, Antonov 14, Colaci (L); De Angelis, Mazzone D. 5. N.e. Nelli, Mazzone T., Bratoev, De Angelis,. All. Radostin Stoytchev.
DHL: Vettori 23, Petric 15, Saatkamp 11, Bruno 3, Nikic 16, Piano 7, Rossini (L); Casadei. N.e. Donadio, Soli, Sartoretti, Bossi. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Rapisarda di Udine e Puecher di Padova.
DURATA SET:  27’, 25’, 29’, 29’, 17’; tot  2h e 7’.
NOTE: 3.977 spettatori per un incasso di 42.178 euro. Diatec Trentino: 12 muri, 8 ace, 19 errori in battuta, 7 errori azione, 45% in attacco, 62% (24%) in ricezione. DHL: 9 muri, 3 ace, 23 errori in battuta, 10 errore azione, 51% in attacco, 55% (22%) in ricezione. Mvp Antonov.
 

 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi