Turismo: previsioni buone su estate ma preoccupa Alitalia

Turismo: previsioni buone su estate ma preoccupa Alitalia Federalberghi e Confturismo, a paese turistico serve vettore

(ANSA) – RAPALLO (GE)  – “Abbiamo notizie positive per l’estate, nei primi tre banchi di prova di aprile e cioè Pasqua e i Ponti è stato registrato il segno più ed è cresciuto il numero degli italiani restato in Italia a fare le vacanza, non vedo problemi per la stagione estiva. Oggi la variabile principale è la sicurezza. Finché l’Italia viene percepita come sicura dal punto di vista turistico, non avremo problemi”. L’assemblea di Federalberghi a Rapallo è anche l’occasione per il presidente Bernabò Bocca per tirare le somme sulla stagione estiva e sulla compagnia di bandiera.
“Il commissariamento di Alitalia – dice – è stato fatto con un po’ di ritardo. Avere una compagnia aerea è importante, è vero che ci sono altre compagnie con mete internazionali, ma non si è mai visto un paese turistico senza una compagnia di bandiera aerea efficiente. Per quanto riguarda il modello di business che se è vero, come è vero,le uniche rotte redditizie per una compagnia sono quelle intercontinentali, Alitalia con l’accordo Sky Team è entrata in gabbia da cui non è potuta uscire, fino a quando rimarremo in Sky Team faremo poco. E poi non capisco bene cosa voglia dire il prestito ponte: è un intervento per consentire agli aerei di volare in vista della stagione turistica va bene ma poi?”.
Ottimista sull’estate anche Luca Patanè presidente di Confturismo: “L’Italia quest’anno avrà un buon risultato a seguito delle condizioni difficili di altri Paesi, ad esempio la Turchia dove sono crollate le prenotazioni di italiani e stranieri. Quindi siamo in momento magico e dobbiamo cercare di sfruttarlo sempre meglio e radicare bene anche le preferenze dei stranieri per il nostro Paese. Per esempio i tedeschi stanno tornando tanto e questo è un dato positivo. Le miei grandi preoccupazioni non sono queste ma sono legate ad Alitalia che l’anno scorso ha trasportato 23 milioni di passeggeri e adesso è in una situazione difficilissima. Il problema è molto sentito, i commissari cercheranno di venderla e si creerà un grossissimo gap che crea preoccupazione tra gli operatori turistici. Non so se questo gap sarà coperto da altre compagnie esistenti o da nuove che nasceranno ma è fondamentale per un Paese avere un vettore che lo possa sostenere nello sviluppo turistico”.

Christian FLAMMIA



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi