ULTERIORE CROLLO DEI TEMPI INDETERMINATI IN UMBRIA: SIAMO SOTTO IL 20%

LE CESSAZIONI A TEMPO INDETERMINATO (16.353) SONO DIVENTATE MOLTE DI PIÙ DELLE ATTIVAZIONI (14.512). DILAGA IL LAVORO POVERO E PRECARIO!

Peggiora la condizione del lavoro in Umbria. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Nazionale sul precariato delll’Inps, relativi ai primi 11 mesi del 2017 (gennaio-novembre).

I contratti a tempo indeterminato scendono ancora, attestandosi a quota 10.054 nel periodo di riferimento (-11.4% sul 2016, -48% sul 2015).

Esplodono invece le altre forme contrattuali: tempo determinato 55.749, apprendistato 5.224 e stagionali 2.884.

Il totale dei contratti attivati corrisponde a 79.991 mentre quelli cessati sono 62.825.

Di fronte a questo dato, si potrebbe incorrere in un errore profondo di valutazione, se non si tenesse conto del fatto che il 30% dei contratti ha una durata media di 1,4 giorni.

Quindi, il dato su cui riflettere è che 79.991 contratti non corrispondono affatto allo stesso numero di persone, visto che in molti casi una sola persona è costretta ad attivare 4 o 5 contratti nell’arco di 11 mesi.

Esiste dunque oggettivamente un problema di quantità del lavoro, ma soprattutto di qualità.

E la qualità del lavoro nella nostra regione è in costante peggioramento, infatti la percentuale dei contratti a tempo indeterminato sul totale dei rapporti si sta costantemente riducendo..

Nei primi mesi del 2017 questa percentuale si attestava attorno al 20%, ora, con gli ultimi dati relativi ai primi 11 mesi del 2017, siamo scesi (tenendo conto anche delle trasformazioni) al 18,7%.Una percentuale ben più bassa della media nazionale, che si attesta al 23,4%. Inoltre, sempre per quanto riguarda il tempo indeterminato, facendo il confronto tra cessazioni e attivazioni, le cessazioni (16.353) superano di gran lunga le attivazioni(14.512). Mai c’era stato un divario così netto.

Questa rilevazione e le nostre valutazioni, del tutto oggettive, confermano e accentuano l’allarme occupazione in Umbria, con l’esigenza inderogabile di ridare dignità e diritti al mondo del lavoro, soprattutto giovanile e femminile.

Non si puo’ costruire il futuro dell’Umbria sul lavoro povero e precario.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi