“UNA SCELTA POLITICA” È LA RISPOSTA DEL SINDACO DI PETRIZZI ALL’EMERGENZA ABITATIVA DI UN SUO CONCITTADINO

Dopo l’occupazione simbolica della sala del consiglio comunale di Petrizzi del 31 luglio scorso, una delegazione di Potere al Popolo ha incontrato ufficialmente il Sindaco ieri pomeriggio alle 18.00.

Era stata richiesta la partecipazione al confronto di almeno due consiglieri di minoranza, oltre alla presenza della persona direttamente interessata.

Il Sindaco ha presieduto l’incontro affiancato dal proprio vice sindaco e da un agente di polizia municipale, pretendendo che allo stesso partecipassero solo due persone, uno dei consiglieri di minoranza e il legale del sig. Procopio, negando quindi l’ingresso all’altro consigliere di minoranza presente.

La stessa chiusura e mancanza di argomentazioni si sono poi palesate anche durante il brevissimo confronto, nel quale il sindaco è rimasto arroccato sulle proprie posizioni, confermando la propria volontà di non voler far fronte all’emergenza abitativa del signor Procopio e dichiarando che le determinazioni da lui adottate costituiscono una scelta politica.

A tale proposito, il sig. Procopio è inserito nella graduatoria definitiva permanente Legge Regionale 32/1996, per come aggiornata dal Comune di Petrizzi nell’anno 2013 e, dopo lo sfratto eseguito dallo stesso, vive in alloggi di fortuna, trattandosi di persona senza fissa dimora, come peraltro dichiarato dalla stessa Amministrazione.

L’uomo, quindi, anche ai sensi dell’articolo 31 della Legge Regionale 32/1996 e Legge Regionale 22 dicembre 2017, vive una situazione di emergenza abitativa ed una drammatica condizione di bisogno.

A ciò si aggiunga che l’Amministrazione Comunale non ha neanche adempiuto all’obbligo prescritto dall’art. 23, della L.R. 32/96, di procedere con cadenza biennale alla pubblicazione del “Bando Integrativo”, ai fini dell’assegnazione degli alloggi di E.R.P. liberi o che si renderanno disponibili e per l’eventuale aggiornamento del punteggio di coloro che risultano inseriti nell’ultima graduatoria definitivamente approvata.

Il sindaco non è stato in grado di rispondere positivamente a nessuna delle legittime argomentazioni prospettategli.

Alla totale chiusura da parte del sindaco e all’aria di sufficienza con la quale si è posto nei confronti di un cittadino del comune che amministra, Potere al Popolo risponde che già in data odierna sono stati attivati tutti i canali ufficiali ed avviate le pratiche presso l’aterp e la prefettura per arrivare ad una soluzione della questione.

Potere al Popolo continuerà a sostenere il signor Procopio sia nelle sedi politiche che in quelle istituzionali e legali, lottando con ogni mezzo finché non gli verrà riconosciuto il diritto all’abitare e non gli sarà restituita la propria dignità.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi