UNESCO: COLDIRETTI, SOLO A NAPOLI 3MILA ARTISTI DELLA PIZZA

Solo a Napoli sono tremila i pizzaiuoli che portano avanti un’arte che risale al sedicesimo secolo e si è diffusa in tutto il mondo. E’ quanto afferma la Coldiretti che insieme all’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e alla Fondazione UniVerde guidata da Alfonso Pecoraro Scanio ha concorso con la raccolta di oltre 2 milioni di firme all’esito positivo della candidatura dell’“Arte dei Pizzaiuoli napoletani” nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco da parte dell’apposito comitato intergovernativo riunito nell’Isola di Jeju in Corea del Sud. Ad essere tutelata – sottolinea la Coldiretti (www.coldiretti.it) – è l’espressione culturale di una comunità, quella napoletana, che è il lavoro dei pizzaiuoli, la loro cultura, la loro tradizione, la loro identità. Dal Masto Pizzaiuolo, che – sottolinea la Coldiretti – insegna e tramanda la tradizione e sceglie i materiali per la lavorazione, al “Guaglione” Pizzaiuolo, che apprende e realizza le pizze, fino Masto Fornaio, che sceglie la legna, controlla la temperatura del forno e gestisce le cotture. Figure che si trasmettono da generazioni il rigoroso “codice” della preparazione della pizza. Le tappe sono – precisa la Coldiretti – lo “staglio” (i panetti di pasta lievitata pronta a essere stesa), l’“ammaccatura” (la prima spianata della pizza), il “cornicione” (la creazione del bordo della pizza che delimita pizza e condimento) e lo “schiaffo” (la seconda spianata con la pizza presa a schiaffi sul banco di lavoro). A questo si aggiunge – continua la Coldiretti – per i pizzaioli più esperti il “volo” che facendo roteare la pizza in aria permette di acquisire una maggiore ossigenazione e consistenza e che ha originato delle vere e proprie gare di pizza acrobatica. Le fasi successive sono la distribuzione del condimento, partendo dal centro del disco di pasta secondo il caratteristico movimento a “6”, prima di posizionare la pizza nel “pampuglie”, il forno a legna tradizionale per la cottura all’interno del quale la pizza viene fatta ruotare su se stessa per una cottura omogenea. Un riconoscimento che – conclude Coldiretti – consente all’Italia di riappropriarsi del simbolo culinario del Made in Italy, con il 39 per cento degli italiani che ritiene che la pizza sia il simbolo culinario dell’Italia secondo un sondaggio del sito www.coldiretti.it e il fatto che la pizza è la parola italiana piu’ conosciuta all’estero con l’8 per cento, seguita dal cappuccino (7 per cento), dagli spaghetti (7 per cento) e dall’espresso (6 per cento), secondo un sondaggio on line della Societa’ Dante Alighieri.19 maggio 2016.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi