Venerdì 12 febbraio a Nizza Monferrato “Aristofane la pace”

image003

Torna a grande richiesta la commedia del Teatro degli Acerbi diretta da De Summa

Torna a grande richiesta, dopo il successo della tournèe nazionale degli ultimi anni, la commedia “Aristofane la pace” del Teatro degli Acerbi diretta da Oscar De Summa, uno fra gli interpreti più interessanti della nuova generazione del teatro italiano. Negli ultimi anni la sua abilità, sia come attore che come regista, ha raccolto importanti riscontri di pubblico e critica. (è stato candidato lo scorso anno al prestigioso Premio UBU)

E’ in programma venerdì 12 febbraio alle ore 21 al Foro Boario di Nizza Monferrato, nella stagione teatrale realizzata dal Comune in collaborazione con l’Associazione Arte & Tecnica e la Fondazione Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale Multidisciplinare, il contributo delle Fondazioni C.R.Asti e C.R.T. e la sponsorizzazione della Banca di Asti.

E’ una rilettura di una delle opere più poetiche di Aristofane, una commedia esilerante ed al contempo fantasiosa e spietata che denuncia politiche criminali e ipocrite.

In scena Massimo Barbero, Patrizia Camatel, Dario Cirelli, Fabio Fassio, Elena Romano e Tommaso Massimo Rotella; i costumi sono di Giulia Gubernati, le scenografie di Francesco Fassone.La storia è molto fantasiosa ed ironica: in groppa ad un gigantesco scarafaggio che si nutre di sterco ed è attirato dagli olezzi terrestri, il contadino Trigeo vola in cielo a chiedere spiegazioni agli Dei sulla catastrofe bellica che da dieci anni sta insanguinando la Grecia. Ma gli Dei, disgustati dal loro comportamento, non vogliono più avere niente a che fare con gli uomini. L’Olimpo è deserto, sono rimasti solo Ermes, un portinaio facilmente corruttibile e Polemos, l’iracondo Dio della guerra che si accinge a fare salsina di tutte le città guerrafondaie in un gigantesco mortaio, ma purtroppo non si trova un pestello in tutta l’Ellade…La Pace è imprigionata dietro pesanti cancelli. L’umanità con i suoi egoismi di partito, ricerca di profitto personale, velleità di potenza le ha chiuso le porte; dovranno essere gli uomini stessi a mobilitarsi per liberarla. Gli esiti supereranno quello che sembrava un delirio mistico del povero contadino, infatti egli riuscirà addirittura a sposare Opora, la Dea del raccolto, suggellando una promessa di pace tanto utopica quanto desiderabile. E’ la fine dei mercanti di armi, dei generali vanagloriosi e dei profeti scrocconi umiliati dall’impresa del più umile degli uomini e del più disgustoso degli animali. Commenta Oscar De Summa: “Io vedo il teatro come una risposta dinamica a una situazione esterna, a una condizione, per far riflettere su quello che ci circonda oggi. Se con le opere di Amleto avevo operato un’analisi del rapporto con il potere, con questo testo considero il tema della pace, e soprattutto rifletto su cosa porta l’uomo a distruggerla. La lotta è parte della condizione umana, ma c’è sia il tipo di lotta positivo che quello negativo. La chiave di lettura comica aiuta molto in questa analisi.”

Lo spettacolo è fuori abbonamento ed è realizzato in collaborazione con la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte.

Biglietti: € 12 intero, € 10 ridotto (abbonati stagione teatrale 2015/16, under 25, over 60, ecc), € 5 studenti.

Prevendita a Nizza presso La Via Maestra – Viaggi e Vacanze, Via Pistone 77: tel. 0141 727523
Info e prenotazioni: Teatro degli Acerbi 339/2532921, info@teatrodegliacerbi.it e su facebook.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.