VERDE. CONNESSIONI ECOLOGICHE AL TICINELLO GRAZIE AL PROGETTO “MILANO CITTÀ DI CAMPAGNA”

MILANO – Oltre sei ettari di nuovi boschi, un’area umida di 5mila metri quadri, la rinaturalizzazione di aree utilizzate in modo improprio, la realizzazione di fasce tampone con alberi e arbusti, la realizzazione di filari di farnie e salici, migliorie sulle aree forestali. Sono i risultati di “Milano Città di Campagna – La Valle del Ticinello”, il progetto promosso dal Comune di Milano, in collaborazione con Città Metropolitana, Associazione Parco del Ticinello e FaunaViva, con il supporto di LifeGate e Regione Lombardia e il cofinanziamento di Fondazione Cariplo nell’ambito del bando Connessione Ecologica. 

Dal 2014 ad oggi, all’interno del Parco del Ticinello, Ersaf ha messo a dimora 11.000 piante di cui 10.100 forestali, cioè alte circa 70 centimetri, e 120 piante arbustive. Le prime, rigorosamente autoctone, sono state fornite direttamente da Ersaf che le produce nei suoi vivai. Si tratta di aceri campestri, carpini bianchi, ciliegi selvatici, farnie, frassini, olmi, pioppi e tigli selvatici. Anche gli arbusti sono autoctoni, scelti tra evonimo, biancospino, viburno opalo, ligustro volgare, nocciolo, sambuco, sanguinello, prugnolo, melo selvatico.

Nel corso del progetto “Milano Città di Campagna”, parallelamente agli interventi di miglioramento ambientale finalizzati al potenziamento e alla creazione di connessioni ecologiche, FaunaViva ha svolto un’attività di monitoraggio per valutare l’effetto degli interventi stessi sulla fauna locale. I rilievi svolti hanno interessato quattro gruppi animali: uccelli, anfibi, lepidotteri ropaloceri (farfalle diurne) e odonati (libellule).

I monitoraggi, ripetuti nei diversi anni di progetto, hanno consentito di osservare nel Parco Agricolo del Ticinello quattro specie di anfibi, oltre 50 specie di uccelli in periodo di nidificazione, circa 20 specie di farfalle diurne e circa 20 specie di libellule. Nell’insieme, il Parco del Ticinello si è rivelato un ambiente con elevate potenzialità dal punto di vista faunistico.

Compito dell’Associazione “Comitato per il parco del Ticinello“ è stato infine quello di diffondere i contenuti del progetto su scala locale. A questo scopo sono state realizzate attività sul territorio e nelle scuole con la finalità di sensibilizzare la popolazione sul concetto di rete ecologica e sull’importanza della tutela della biodiversità, nell’ambito della pianificazione urbanistico-territoriale. In particolare, sono stati realizzati un sito internet, brochure esplicative, un concorso di fotografia, giornate d’incontro aperte agli studenti e al territorio.

Il progetto al Parco del Ticinello rientra nell’impegno dell’Amministrazione per potenziare le funzionalità ecologiche di grandi aree verdi della città a favore della biodiversità, coniugando l’attività agricola e il mantenimento di ambienti “naturaliformi” che favoriscono la presenza di numerose specie animali e vegetali. Piani di connessioni ecologiche e valorizzazione del territorio si sono avviati anche al Parco Lambro con il progetto Re Lambro, al Parco della Vettabbia e al Parco delle cave.

 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi