Vesuvio: Scotto, interrogazione a Galletti sulle frane

“E’ da mesi che ripetiamo la stessa cosa: dopo i roghi estivi si è aperta un’emergenza enorme sul territorio dell’area vesuviana. Un area fragilissima già esposta, in condizioni normali, a un dissesto idrogeologico grave. Era chiaro che la distruzione della vegetazione combinata con la prima ondata di maltempo avrebbero prodotto ulteriori danni: gli abitanti di Monte Faito sono rimasti completamente isolati, anche a causa della chiusura della funivia che li collegava alle zone sottostanti; la strada statale 145 Sorrentina vede ancora chiude al traffico due delle tre gallerie presenti, con conseguente paralisi del traffico automobilistico. Inoltre all’interno del Parco vesuviano gli smottamenti di terreno potrebbero anche interessare una zona in cui risiede una discarica ormai dismessa, la cosiddetta “Porcilaia”, dove permangono grandi quantità di rifiuti. Questi rifiuti con nuove piogge e nuove frane potrebbero essere trascinati in basso. Prima che la situazione precipiti e si crei una situazione di crisi chiediamo al Ministro Galletti quali iniziative voglia mettere in campo per risolvere con urgenza i disagi già prodotti, sia per prevenire nuovi e ulteriori situazioni di pericolo e di danno a seguito di nuove frane e smottamenti”: lo dichiara in una nota il deputato di Mdp Arturo Scotto.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi