VIA PIZZIGONI, SARDONE: 100 STRANIERI OCCUPANO EX SCUOLA, COMUNE QUANDO INTERVIENE?

MILANO – Oggi le cronache tornano a parlare – commenta Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia – dell’occupazione dell’ex scuola Colombo in Via Pizzigoni. Sono un centinaio i clandestini, senzatetto, sbandati e delinquenti che occupano la struttura da tempo senza che il Comune se ne interessi. Ricordiamo che il 23 luglio qui c’è stata una violenta lite e un guineano, irregolare, ha accoltellato un marocchino. I due avrebbero litigato per un posto letto all’interno dello stabile abbandonato. Le responsabilità del Comune in questa situazione sono gravissime. Segnalo, insieme ai residenti della zona, quest’occupazione da aprile e cioè da quando, dopo essere stato usato questo edificio come dormitorio per senzatetto durante l’emergenza freddo (fino al 30 marzo), è stato occupato da immigrati clandestini. Ho fatto un sopralluogo e avevo scoperto che chiunque può e poteva accedere all’area visto che il cancello è aperto e nella parte posteriore dell’edificio sono evidenti le aree occupate, viste le numerose lenzuola alle finestre. Veniva persino segnalata una specie di racket dell’occupazione con alcuni personaggi che chiederebbero a immigrati e sbandati un contributo per dormire nell’ex scuola. I cittadini sono da tempo preoccupati perchè ci troviamo a pochi metri da una scuola elementare e da numerose abitazioni. Inoltre i cittadini evidenziano un aumento delle attività di spaccio nelle aree circostanti, tra cui giardinetti frequentati da famiglie. Come mai in tutti questi mesi la scuola non è stata sgomberata? Come mai si lasciano all’interno della struttura comunale così tanti clandestini e soprattutto dei delinquenti? In questi giorni il Comune si vanta di controlli e sgomberi, propaganda che crolla miseramente di fronte a questa situazione gravissima.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi