Vietato fumare nelle aree giochi per bambini e nei giardini delle scuole

Sassari giardino piazza monsignor Carta_3

Ordinanza del sindaco di Sassari: Promuoviamo stili di vita salutari e rispettiamo l’ambiente.

Sassari  – L’obiettivo è quello di garantire una più libera e salutare fruizione, soprattutto da parte dei bambini, di tutte le aree verdi, in particolare quelle attrezzate con giochi oltre che tutte le pertinenze delle scuole. A questo si aggiunga la necessità di recuperare spazi liberi dal fumo, nell’interesse della salute dei non fumatori. Sono questi i principi ispiratori dell’ordinanza che, firmata ieri dal sindaco di Sassari Nicola Sanna, da oggi è efficace su tutto il territorio comunale.
L’ordinanza, la numero nove del 2016, vieta di fumare all’interno e in prossimità delle aree attrezzate destinate al gioco e alle attività sportive di bambini e di ragazzi, presenti sia nei parchi e giardini pubblici che in tutte le altre altre aree verdi già istituite nel territorio comunale, anche nei cortili delle scuole (primarie e secondarie di primo e secondo grado), sia in quelle di futura realizzazione e comunque in tutte le aree ove si trovi la segnaletica di “divieto di fumo”. Le aree interdette al fumo, si legge nell’ordinanza, saranno dotate della segnaletica indicante il divieto istituito.

I trasgressori saranno assoggettati alla sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro. I proventi delle violazioni accertate verranno utilizzati per campagne informative sui rischi alla salute del fumo diretto e passivo.

«Siamo convinti – afferma il sindaco di Sassari Nicola Sanna – che siano proprio gli adulti a dover dare a bambini e ragazzi esempi di stili di vita orientati alla salute e più rispettosi dell’ambiente e degli spazi della comunità. Per questo vogliamo promuovere e facilitare l’assunzione di comportamenti che influiscono positivamente sullo stato di salute dei nostri cittadini, modificando quei fattori di rischio che causano un gran numero di morti premature e che determinano una cattiva qualità della vita».
«Abbiamo voluto allinearci agli standard di altre città italiane e europee – aggiunge l’assessore all’Ambiente Fabio Pinna – con una modalità in più per difendere il diritto alla salute dei nostri concittadini, in particolare dei minori e delle donne in stato di gravidanza, e garantire rispetto anche per la grande fascia di popolazione di non fumatori».
Il tabagismo rappresenta, infatti, uno dei più gravi problemi di sanità pubblica a livello mondiale ed è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile. L’Oms calcola che quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo, fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo.

Secondo i dati del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità, in Italia il fumo di tabacco risulta essere al secondo posto, dopo l’ipertensione arteriosa, come causa di morte e al primo posto per anni di vita persi in disabilità. Dal rapporto 2015 presentato dall’Istituto superiore di Sanità risulta che circa il 73 per cento dei fumatori ha iniziato a fumare tra i 15 e i 20 anni e il 12,9 per cento anche prima dei 15 anni, rientrando in quella categoria che viene definita dei baby fumatori.

QUESTO ARTICOLO TI È PIACIUTO?
CONDIVIDILO SUI SOCIAL, VIA MAIL E WHATSAPP

Devi essere autenticato per inviare un commento Login

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.