Violenza di genere, sì al piano triennale

Il Piano triennale degli interventi per contrastare la violenza di genere 2017-19 ha ottenuto parere preventivo favorevole all’unanimità. La votazione oggi in Commissione Sanità, presieduta da Domenico Ravetti.

Il provvedimento, presentato dall’assessora alle Pari opportunità Monica Cerutti nella seduta del 4 dicembre, prevede un investimento di circa 2,5 milioni di euro per il finanziamento di otto macro obiettivi: consolidare la rete dei Centri e degli sportelli antiviolenza e delle Case rifugio; sperimentare percorsi di sostegno all’inserimento e al reinserimento socio lavorativo delle donne vittime di violenza; potenziare e mettere a sistema gli interventi di prevenzione dei fenomeni della tratta, della riduzione in schiavitù, delle mutilazioni genitali femminili e dei matrimoni forzati; sostenere la formazione delle operatrici e degli operatori del sistema dei servizi antiviolenza; sperimentare interventi di recupero e di accompagnamento per gli autori della violenza; prevedere interventi a sostegno dei figli e delle figlie di vittime di femminicidio e di minori vittime di violenza assistita; diffondere l’utilizzo del Fondo di solidarietà per il patrocinio legale alle donne vittime di violenza e realizzare il Piano di comunicazione per informare i cittadini sulle opportunità contenute nella legge regionale 4/2016 “Interventi di prevenzione e contrasto della violenza di genere e per il sostegno alle donne vittime di violenza ed ai loro figli”.

Definendo il documento “fortemente condivisibile”, i consiglieri Davide Bono e Francesca Frediani (M5s) hanno chiesto alcuni chiarimenti, esortando l’assessora a porre attenzione a quanto già esistente – ad esempio le “app” per contattare le forze dell’ordine in caso di molestie o di violenza – onde evitare duplicati. È stato anche richiesto che una volta l’anno sia illustrato in Commissione il procedere degli interventi.

Nel corso della seduta mattutina è inoltre proseguito il dibattito sull’informativa dell’assessore alla Sanità Antonio Saitta in merito alla realizzazione delle Case della salute, che prevede 30 strutture a Torino e provincia, 11 nelle due Asl del Cuneese, 7 a Novara, 6 per ognuna delle Asl di Asti, Alessandria, Biella e Vco e 5 in quella di Vercelli. Una realtà che va avanti e si amplia ulteriormente, dal momento che sono 77 i centri previsti dal piano della Giunta regionale, attivati o potenziati nel corso degli ultimi mesi o da realizzare nel 2018 per creare una rete di punti di riferimento fuori dagli ospedali per i malati cronici, i pazienti non gravi, i cittadini che hanno necessità di una prestazione sanitaria o assistenziale che non richiede l’accesso al pronto soccorso.

Saitta ha annunciato che “saranno complessivamente 2.323 le unità di personale” e che “l’obiettivo della Regione è creare centri attrezzati e aperti tutto il giorno in cui siano disponibili medici di base e pediatri, assistenza infermieristica e specialistica con percorsi di cura per patologie croniche, ambulatori vaccinali e consultori familiari”. L’investimento stimato nel biennio è di 21,6 milioni, sommando le risorse della Regione e quelle messe a disposizione dalle singole Asl: 11,9 milioni sono già stati impiegati nel 2017, gli altri 9,7 saranno stanziati per il 2018.

Sono intervenuti nel dibattito i consiglieri Stefania Batzella (Mli), Bono, Gian Paolo Andrissi, Federico Valetti (M5s), Andrea Appiano e Angela Motta (Pd).

Al termine l’assessore Saitta a cominciato a svolgere una comunicazione sulle procedure di gara e di affidamento posti in essere dalle Asr, in particolare quelle gestite da Scr, che “hanno consentito negli ultimi anni di ridurre la spesa pubblica per liberare risorse da destinare a obiettivi di salute”.

Nel corso del dibattito sono intervenuti i consiglieri Bono e Andrissi (M5s). Il primo, in particolare, ha insistito sulla necessità d’indire una Commissione consiliare d’inchiesta o d’indagine dedicata al tema degli appalti in Sanità per affrontare le questioni legate alle proroghe e agli affidamenti “che ancora oggi sono il principale strumento di acquisto di servizi, merci e beni da parte delle Aziende sanitarie. Non è sufficiente considerare l’attività meritoria, utile e fondamentale di Scr: per questo chiediamo d’istituire una Commissione speciale che possa dedicare una mattina alla settimana, magari il venerdì, per affrontare potenziali fonti d’illegittimità negli appalti delle Aziende sanitarie piemontesi”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi