A Gerusalemme è stata ricreata la prima birra conosciuta dall’uomo

A Gerusalemme si trova un birrificio storico, piccolissimo e molto amato (e apprezzato) dai gerosolimitani, l’Herzl, che si trova nella zona industriale di Talpiot. Recentemente questo micro-birrificio è diventato, se possibile, ancora più famoso per aver elaborato la formula di ciò che si ritiene sia stata la primissima birra bevuta dall’uomo, o una sua quasi perfetta imitazione. Le origini della birra risalgono al lontano 3.500 a.C. e fu inventata dai Sumeri, che trasformarono cereali in birra lasciandoli a fermentare al sole. Itai Gutman, del birrificio Herzl, si è appassionato per anni ad un progetto tutto personale di ricerca della prima versione di birra conosciuta al mondo, passione scaturita dopo aver letto un articolo circa il processo di modificazione genetica del grano conosciuta come farro dicocco. Gli scienziati che hanno usato il genoma per ricreare questo cereale, lo stesso componente utilizzato per produrre I primi tipi di birra, pensavano che fosse economicamente vantaggioso usare questo cereale e Gutman si è sentito in dovere di collaborare con loro in questo esperimento. “La produzione della birra è una delle attività più antiche al mondo”, ha affermato Gutman alla BBC. “Questo è ciò che faccio ora, questa è la tradizione che ho accettato di portare avanti”. Ora, ha prodotto con successo una partita di birre che sono la riproduzione più fedele possibile alla primissima birra bevuta dall’uomo. Se vi trovate a visitare Gerusalemme, non mancate di fare un salto da Herzl per assaporare questa storica e “biblica” birra. Con il pacchetto Cogli l’attimo, vivi Gerusalemme ora! valido per 4 giorni/3 notti, volo e hotel costano a partire da 399 €.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.gerusalemmeora.it



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi