Arci e Cgil Firenze: “Preoccupanti le ‘passeggiate’ di CasaPound”

Arci e Cgil Firenze: “Preoccupanti le ‘passeggiate’ di CasaPound. Inaccettabile che gruppi di cittadini possano pensare di sostituirsi in maniera arbitraria alle forze dell’ordine”

Di fronte alle “passeggiate” notturne per la sicurezza annunciate da CasaPound a San Jacopino, non possiamo che esprimere preoccupazione.
Purtroppo se anche sul nostro territorio si assiste a questa deriva securitaria e a un crescente protagonismo di gruppi neofascisti, non possiamo non dire che le Istituzioni hanno quantomeno sottovalutato il problema e anzi prestato il fianco alla destra.
La sicurezza, come sta scritto anche nella nostra Carta Costituzionale, è garantita dalle Istituzioni deputate, ed è inaccettabile che gruppi di cittadini possano pensare di sostituirsi in maniera arbitraria alle forze dell’ordine.
Ci auguriamo una presa di posizione ferma delle Istituzioni cittadine, nei confronti di questi “giustizieri delle notti estive” di San Jacopino, perché, davvero, Firenze non può permettersi di cedere di fronte a certe derive. “Non paragonateci alle ronde”, dicono i responsabili di Casa Pound, ma come si può non fare il paragone quando si assiste a un’esaltazione della figura di Mussolini, a un uso di termini riesumati dal ventennio, a uno spregio dei valori della Resistenza su cui il Paese si fonda, a un odio nei confronti del diverso da parte di chi si autodefinisce “fascista del terzo millennio”?
Le nostre città non hanno bisogno di questo, ma hanno bisogno di un maggior senso di comunità, di una maggior apertura verso l’altro, di un maggior rispetto per il bene comune e per le persone, tutte, senza distinzioni. Se innalziamo muri e ci chiudiamo nelle paure non facciamo altro che spianare la strada a quanti su queste paure speculano. Le Istituzioni dovrebbero combattere il “degrado” aprendo le piazze, facendo vivere le strade, non imponendo divieti e tollerando iniziative agghiaccianti come le ronde di Casa Pound.

Firmato: Arci Firenze e Cgil Firenze

LA NOTA DELL’ANPI DI FIRENZE

Anpi Firenze “è con i cittadini di San Jacopino nel respingere le provocazioni dei neofascisti di CasaPound e chiede che le istituzioni impediscano questo pericoloso fai da te, riportando il tema della sicurezza nell’ambito di una gestione civile e degna di uno stato democratico”. Questa la presa di posizione della segreteria fiorentina di Anpi dopo l’annuncio, due giorni fa, di CasaPound, di effettuare ‘passeggiate’ per la sicurezza a Firenze partendo dal quartiere di San Jacopino, con l’obiettivo di contribuire a prevenire i furti nelle abitazioni. “Di nuovo CasaPound – afferma l’Anpi in una nota – tenta a Firenze la carta delle ronde notturne, provando a sostituirsi alle forze dell’ordine, giocando ai paladini di una legalità che sono i primi a disprezzare. Non sono le ronde di partito a fare la sicurezza. La sicurezza la fanno le famiglie, i singoli cittadini, le associazioni di quartiere, i commercianti, le iniziative e gli spazi comuni vissuti tutti i giorni”, la “costruisce l’amministrazione del territorio e la professionalità delle forze dell’ordine, non le improvvisate di un gruppo di neofascisti”. “CasaPound – conclude Anpi – è un corpo estraneo nel quartiere di San Jacopino, il loro misero sgomitare in vista delle prossime elezioni comunali e l’affannosa ricerca di un minuto di celebrità sono però fatti soffiando sul fuoco del senso di insicurezza, sono fatti giocando sulla paura e non fanno che peggiorare la vita quotidiana dei residenti”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi