CAMBIARE LA LEGGE FORNERO PER I PENSIONATI DI OGGI E PER QUELLI DI DOMANI

Genova – Sono circa 3 mila i genovesi che potrebbero andare in pensione se venisse modificata la legge Fornero. E’ questo uno dei dati emersi questa mattina a Genova nel convegno organizzato da Spi, Cgil e Fondazione Di Vittorio dal titolo “Cambiare la legge Fornero per dare sicurezza ai pensionati, certezze ai lavoratori, futuro ai giovani”. La stima tiene conto dei dati Inps sui lavoratori dipendenti in provincia di Genova nella fascia di età 60 – 64 che risultano essere 7.665. Di questi si ipotizza che circa la metà raggiungano i requisiti per la pensione in modo autonomo, mentre per il resto, la modifica della Fornero sarebbe la soluzione per ottenerli. L’analisi fatta oggi dal sindacato evidenzia diversi altri aspetti da tenere in considerazione quando si parla di pensioni, sfatando, ad esempio, alcuni luoghi comuni come quello che vi siano schiere di baby pensionati, pensionati d’oro o che i pensionati non paghino le tasse. I dati dimostrano che nella nostra regione la maggioranza di persone in pensione sono over 60 (oltre 350 mila pensionati) e che gli importi sono tutt’altro che da sogno con più di 200 mila pensionati sotto i 1.500 euro lordi al mese e che i nostri pensionati sono al terzo posto in Europa per tasse pagate (prima di noi ci sono solo Svezia e Paesi Bassi). Oltre a quello italiano, durante il convegno sono stati analizzati anche i sistemi vigenti negli altri paesi europei con una comparazione tra 8 paesi europei, indagine curata da Paola Repetto del Dipartimento Previdenza dello Spi. Lo studio mette a confronto Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi, Spagna e Svezia, oltre naturalmente l’Italia. Come sottolinea Repetto “Lo studio dei dati e della normativa, nazionale e europea, ci conferma nella convinzione che l’attuale sistema previdenziale italiano sia marcato da profonda iniquità, che, se lo rendono economicamente sostenibile anche nel lungo periodo, ne tradiscono lo scopo: quello di garantire a coloro che sono già in pensione e a coloro che ci andranno domani una vita serena e un reddito dignitoso. Emerge pertanto la necessità di non limitarsi a marginali aggiustamenti della Legge Fornero, ma di procedere, invece, a una profonda modifica, che ne corregga radicalmente l’impostazione”.
Sono solo alcuni dei dati sui quali oggi è stata affrontato il confronto e la discussione su un tema di grande attualità e forte interesse per i pensionati, i lavoratori e i giovani che guardano con apprensione e preoccupazione al destino delle pensioni attuali e future. Nel corso della mattinata sono intervenuti: Valter Fabiocchi Segretario Generale Spi Cgil Genova, Ivano Bosco Segretario Generale Cgil Genova, Fulvio Fammoni Presidente Fondazione Di Vittorio, Giampaolo Patta Consiglio Vigilanza Inps, Michele Raitano Università La Sapienza, Raffaele Atti Segretario Spi Cgil.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi