Covip, Mollicone (Ugl): “Governo deve agevolare sviluppo fondi negoziali”

“Il buono ‘stato di salute’ dei fondi negoziali deve essere uno stimolo a potenziare la previdenza complementare, in particolare tra i dipendenti pubblici, ma finora il governo non ha fatto nulla per agevolarne lo sviluppo”.
Lo ha dichiarato il responsabile nazionale dell’Ufficio Questioni previdenziali dell’Ugl, Nazzareno Mollicone, commentando la relazione del presidente della Covip, Mario Padula.
“Il problema degli scarsi investimenti nelle attività quotate in Borsa – evidenzia il sindacalista – dipende innanzitutto dai rischi, sempre presenti e quasi mai controllati e attenuati dalle Autorità di controllo, ma soprattutto dal fatto che tali investimenti dovrebbero essere effettuati nel quadro della ‘partecipazione’ dei lavoratori al capitale sociale delle imprese, cosa che non potrà avvenire fino a quando l’esecutivo non emanerà provvedimenti che diano un potere reale di controllo e d’indirizzo strategico ai risparmi dei lavoratori da investire, tramite i fondi pensione, nelle aziende”.
“Complessa e delicata appare anche la questione della vigilanza, ad oggi inesistente, dei numerosissimi fondi integrativi sanitari stipulati nell’ambito dei contratti aziendali con le compagnie di assicurazione specializzate. Anche in questo ambito- aggiunge – ci vorrebbe un intervento governativo regolatore e non un semplice ‘auspicio’ come indicano sia il presidente della Covip che il ministro del lavoro Poletti”.
“Il presidente Padula – conclude Mollicone – non ha inoltre affrontato il problema dell’elevata tassazione sui rendimenti virtuali, non erogati, dei fondi pensione, cosa che va in controtendenza rispetto agli altri Paesi europei: questo prelievo, infatti, incide sui rendimenti e sulle future erogazioni”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi