DE CHIRICO: AL PARCO DELLE BASILICHE UN RAVE PARTY DI ODIO, VANDALISMO ED ILLEGALITÀ

Milano – Ieri sera, Giovedì 9 Giugno, al Parco delle Basiliche si è tenuto l’ennesimo Rave Party davanti al quale questa giunta ha voltato la testa – dichiara il neoeletto Consigliere Comunale di Forza Italia Alessandro De Chirico – oltre all’usuale degrado creato da eventi illegali come questo, con spazzatura, musica a tutto volume ed il solito commercio di droga questa volta si è riusciti a fare cose ancor più gravi del solito. Sulle mura centenarie della basilica, come da foto allegate, qualcuno ha scritto sigle d’odio. ACAB, nel particolare, “tutti i poliziotti sono bastardi”. Una provocazione sanguinosa, proprio mentre in tutta Italia le Forze dell’ordine piangono morti e feriti tra la miglior gioventù, quella in divisa. Due giorni fa un poliziotto aggredito da immigrati a Rosarno, oltre ai postumi delle ferite, dovrà anche difendersi da gravi accuse, solo per aver fatto il proprio dovere. A valle di questi gravi fatti qualcuno, che evidentemente non ha di meglio da fare, rovina un monumento della nostra città per dimostrare al mondo la propria stupidità. Ancora una volta sotto gli occhi del Comune, ancora una volta impunemente. La mia solidarietà alle Forze dell’Ordine, in particolare alla Polizia Municipale, ancora una volta trattenuta dal fare il proprio dovere. Speriamo che la prossima Giunta possa sanare queste situazioni di degrado. E questo succederà solo se il 19 Giugno Parisi vincerà”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi