Divieti TIR di nuovo in Autostrada direzione Nord e blocco dei terminal

Impazza l’improvvisazione; Il Governo chieda scusa ai trasportatori e Autostrade rimborsi i danni alle imprese stimati in 5 ml€ al giorno di mancati incassi per non parlare dei disagi subiti

Confartigianto Trasporti Marche prende nuovamente posizione contro le scelte delle Prefetture e di Società Autostrade per l’Italia che hanno imposto da questa mattina di nuovo il divieto di circolazione dei TIR per le province di Ancona e Pesaro sull’A14 direzione nord.
Non basta, è stato deciso anche il blocco dei teminal al Porto internazionale di Ancona con la conseguenza che gli autotrasportatori (circa 300) non hanno potuto caricare i contenitori ed effettuare i trasporti sia che essi andassero verso nord che verso sud dove la viabilità è consentita anche in autostrada. Insomma, afferma Gilberto Gasparoni segretario di Confartigianato Trasporti Marche, siamo all’improvvisazione massima… Le ordinanze sono ricomparse anche in Umbria, Emilia Romagna, Toscana, Liguria e Piemonte, ma in queste regioni in tanti casi con i divieti si continua a circolare ma il tutto avviene sulla base della decisione delle istituzioni locali con una viabilità a macchia di leopardo; decine di migliaia autisti di camion bloccati sui piazzali, ai caselli e lungo le strade abbandonati a se stessi.
Una situazione incredibile tutta italiana e Marchigiana che penalizza l‘autotrasporto, oserei dire che lo “uccide” e con danni incalcolabili con 5.000.000€ di mancati incassi al giorno subito dai vettori marchigiani che sono stati bloccati nei piazzali o sulle strade.
Noi chiediamo al Governo di chiedere scusa ai trasportatori italiani e stiamo valutando la possibilità di avviare una class action contro lo “Stato” ed “Autostrade per l’Italia” che con i codici rossi o verdi hanno incasinato la vita di tutti quando sostanzialmente era sufficiente attivarsi per tenere le strade libere ovvero far circolare gli automezzi sulla rete autostradale che spesso è stata chiusa senza neve.
Confartigianato Trasporti ha chiesto anche che venga emanata la deroga ai divieti di circolazione previsti per domenica, giorno festivo per permettere il rientro degli autisti che sono impegnati e bloccati sulle strade anche per favo priore la partecipazione al voto di questi lavoratori ed infine che non venga considerata questa settimana nel conteggio delle ore di guida e di riposo perché è stato un periodo tutto sballato che non può ripercuotersi sul lavoro del mese già tra l’altro pregiudicato dalle inefficienze e dalle gravi carenze della pubblica amministrazione.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi