Enas Ugl punta su formazione e crescita professionale

CATANIA – “Il ruolo del patronato nel sociale e’ indispensabile. I cittadini hanno bisogno del supporto concreto degli operatori, non solo per espletare le pratiche burocratiche – obbligatorie e sempre piu’ spinose – ma per essere sostenuti nella loro quotidiana e complessa  battaglia a difesa dei diritti”.
Cosi’ Stefano Cetica, Presidente dell’Enas Ugl, durante il suo intervento, a Catania, al corso di formazione indirizzato agli oltre 300 operatori accorsi da tutta Italia. Si tratta della terza tappa, dopo Roma e Napoli.
Hanno partecipato all’evento l’on. Renata Polverini, Vice presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati di Forza Italia, Claudio Durigon, vicesegretario generale dell’Ugl, Cinzia Marzoli, amministratore unico del Caf Ugl,  Nino Cosentino, Direttore dell’Enas Ugl – insieme al cda composto da Enzo Valente, Fabio Milloch e Iacopo Becherini -,  Alessandro Falco, consulente sul lavoro e i  dirigenti nazionali e confederali del sindacato.
La mission e’ quella di formare professionalmente i dipendenti e aggiornarli su tutte le novita’ in materia fiscale e previdenziale. Per una buona formazione, pero’, e’ necessario restare al passo con i tempi: il programma MiniMisia presentato durante il corso e’ un preciso strumento di lavoro utile per gli operatori per perfezionare e accelerare il servizio offerto agli assistiti.
Cetica anticipa ai presenti le iniziative che saranno concretizzate – nei prossimi mesi – in tutta Italia, attraverso dei gazebo informativi:
“Chiediamo all’Inps maggiore rispetto nei confronti dei cittadini  – spiega Cetica –  infatti il 70 per cento delle pratiche dei pensionati che abbiamo controllato era sbagliato. Una situazione divenuta inaccettabile e che affossa ancora di piu’ una categoria stanca, scoraggiata e sempre piu’ debole. Per questo motivo i nostri operatori saranno presenti con dei gazebo informativi, gia’ dalle prossime settimane, per offrire un “check up” completo dei diritti dei pensionati”.
“Ad agosto – prosegue  Cetica – metteremo in campo anche un’altra iniziativa al fianco delle donne. Una vera e propria azione di contrasto al fenomeno del femminicidio. Una pagina cruenta e violenta che ostacola un diritto imprescindibile che va difeso a tutti i costi: il diritto alla vita e alla propria liberta’.
L’Enas manterra’ sempre alta l’attenzione sulla sicurezza sul lavoro e “su un percorso di monitoraggio e di sostegno rivolto a tutti coloro che nel luogo di lavoro hanno rischiato la vita, combattendo contro malattie o casi di  invalidita’”.
“Insieme all’Ugl e a tutti i lavoratori – conclude Cetica – vinceremo un grande sfida: sostenere concretamente chi e’ in difficolta’”
“C’e’ tanto da fare – conclude il presidente dell’Enas – ma dobbiamo vincere ogni sfida e farlo unitamente al sindacato”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi