ETRURIA: CORTE APPELLO, CRISI NOTA A CONSOB A FINE 2013

CODACONS: CONFERMATA INEFFICIENZA DELL’ENTE. ORA CONSOB SARA’ CHIAMATA A RISARCIRE RISPARMIATORI TRUFFATI

Le motivazioni della sentenza della Corte d’Appello di Firenze che ha annullato alcune sanzioni emesse dalla Consob perché l’ente sapeva fin dal dicembre del 2013 della gravissima situazione in cui si trovava Banca Etruria, conferma l’inefficienza di tale organismo e darà vita ad una azione risarcitoria promossa dal Codacons.

Lo afferma l’associazione dei consumatori, che per prima in Italia aveva denunciato le gravi omissioni di Consob e Bankitalia sul fronte dei crac bancari che hanno contribuito a rovinare migliaia di piccoli risparmiatori.

“Con tale sentenza i giudici mettono nero su bianco quanto già emerso nel corso delle indagini sia del Codacons, sia della magistratura – spiega il presidente Carlo Rienzi – Non può non ravvedersi un nesso tra i gravi ritardi nell’attività di vigilanza degli organi preposti e le perdite economiche subite dai risparmiatori di Banca Etruria. In tal senso il Codacons promuoverà nelle prossime settimane una causa risarcitoria contro Bankitalia e Consob, alla quale potranno aderire tutti gli investitori che a causa delle crisi bancarie hanno perso i propri risparmi” – conclude Rienzi.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi