Eventi: a Colle Val D’Elsa con Pinocchio

Nei giorni 11, 12, 18 e 19 giugno la città diventa un borgo toscano dei primi Ottocento, con i personaggi e le scene del libro. Eugenio Giani: “omaggio a Pinocchio, simbolo della Toscana e sempre più protagonista nel mondo, nel segno di Lorenzini”
Firenze – “Pinocchio è uno dei simboli della Toscana, figlio della propria terra, sempre più protagonista nel mondo, grazie anche alla promozione dei luoghi dove Carlo Lorenzini si è formato”. Con queste parole, il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, ha presentato l’iniziativa “Pinocchio a Colle” che torna anche quest’anno e si svolgerà nel Castello nei giorni 11-12-18-19 giugno.
A Colle Val D’Elsa lo scrittore ha compiuto i propri studi e l’amministrazione “rivisita” la favola da bambini, con uno spettacolo da grandi, per estendere oltre i confini regionali il messaggio che Lorenzini ha trasmesso, creando un asse anche con la convegnistica della manifestazione, senza distogliere lo sguardo dal cinema. Da qui la ricostruzione storica delle scene e dei personaggi del libro, ripresi fedelmente secondo la tradizione di un borgo toscano dei primi Ottocento, ma anche la mostra – all’interno di uno dei palazzi storici più prestigiosi – con il costume di Pinocchio indossato da Roberto Benigni e i laboratori didattici per i piccoli e le loro famiglie.
“Una storia, quella di Pinocchio, che non amo chiamarla fiaba, ma romanzo – ha sottolineato il presidente – per la forza e lo stretto legame con le vicende e i valori della vita, per un messaggio senza tempo, che ci invita a rendere omaggio a Collodi”.
E se a Colle sarà possibile passare dalla bottega di Geppetto al teatro dei burattini di Mangiafuoco, dalla casa della Fata Turchina al Paese dei Balocchi con la Grande Giostra a Cavalli, fino al Pescecane, la Toscana tutta non mancherà di rendere onore al burattino per eccellenza.
“In Consiglio, grazie alla Fondazione Collodi, inaugureremo una statua di Pinocchio, che farà bella mostra di sé alla fine delle scalinate del palazzo – ha annunciato Giani – mentre il 9 giugno, San Miniato Basso, rivisiterà l’antico nome e tornerà ancora una volta a chiamarsi anche Pinocchio”. Una toponomastica del paese, “San Miniato Basso, già Pinocchio”, che la dice davvero lunga sulla riscoperta di un messaggio, per grandi e piccini.
A presentare l’evento di “Pinocchio a Colle”, in sala Gonfalone di palazzo Panciatichi, insieme la presidente Giani sono intervenuti gli assessori Anna Maria Cotoloni e Michela Moretti del Comune di Colle Val d’Elsa, nonché i rappresentati di Valdelsa Eventi, Cinecittà Studios e il presidente della Fondazione toscana Collodi Pier Francesco Bernacchi.
Federica Cioni



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi