FASSINO: “BERLINGUER ANCORA ATTUALE CONTRO LA DERIVA DEL POPULISMO”

TORINO – “Quel che deve interessare è la sorte del Paese. Se si continua in questo modo, in Italia la democrazia rischia di restringersi, non di allargarsi e svilupparsi; rischia di soffocare in una palude”. Questo è il ricordo di Piero Fassino, sindaco di Torino, del leader del Partito comunista Enrico Berlinguer a 32 anni dalla scomparsa.
“Così amava ripetere Enrico Berlinguer quando, rivolgendosi al suo partito, richiamava tutti a una forte assunzione di responsabilità nei confronti dell’Italia. Quell’insegnamento di valore universale – conitnua – ha ancora oggi un’attualità e una forza che non dobbiamo disperdere a 32 anni dalla morte di Enrico Berlinguer, l’11 giugno del 1994.
L’Italia – rimarca Fassino – anche oggi si trova a contrastare il rischio di un impoverimento culturale e politico alimentato dai populismi e dalla demagogia dell’antipolitica, e tutti coloro che hanno a cuore “le sorti del Paese” non possono che mobilitarsi e opporsi a questa deriva. Ricordiamo e onoriamo nel modo migliore la memoria di Enrico Berlinguer, mettendo in pratica la sua lezione”. ha concluso Piero Fassino.
Comitato elettorale Piero Fassino



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi