GARAGUSO SCALO (MT): LA FINALE DEL “CONTEST FEST” TRA INAGIBILITA’ E DEGRADO

Domani, sabato 1 agosto, alle 20.30 nella zona industriale di Garaguso Scalo, si terrà la finale della terza edizione del “Medio Basento Contest Fest”, un progetto finalizzato alla crescita e alla diffusione di uno scenario musicale indipendente, non sufficientemente valorizzato nelle realtà locali.
Un’iniziativa encomiabile, patrocinata dall’emittente locale “Radio Activity” in partnership con il Comune di Garaguso. Peccato, però, che lo spettacolo debba fare i conti con una location poco adatta all’evento.
Basta farsi un giro nella zona appena richiamata, infatti, per constatare la presenza di buche e crepe nell’asfalto, l’accumularsi di rifiuti vicino ai cassonetti e ai bordi delle strade, la mancanza di servizi igienico-sanitari, il malfunzionamento delle fontane pubbliche, l’assenza di un piano di sicurezza, ecc. A ciò si aggiunga la carenza di segnaletica orizzontale e verticale e, in particolare, la persistente situazione di degrado che un’area ormai considerata residuale rispetto al paese sta sperimentando. Il tutto a scapito della circolazione e dello stazionamento di mezzi e pedoni.
Eppure il “PIP” di Garaguso Scalo esiste da quasi venti anni. Qui si spostano quotidianamente datori e prestatori di lavoro che, pur pagando regolarmente i tributi, non hanno mai visto esaudite le loro (legittime) richieste; forse per colpa di Amministrazioni poco inclini alle necessità dei propri cittadini.
A questo punto ci chiediamo: considerata la fama che il “Contest Fest” vanta, come mai l’Amministrazione comunale (attuale) non ha colto “la palla al balzo” per chiedere alla Regione (ovvero all’Unione Europea) dei fondi utili a sistemare una zona nevralgica e di fondamentale importanza per la crescita delle aree interne della provincia di Matera (e di tutta la Basilicata)?
Come si pensa di accogliere un evento di tale caratura senza aver preventivamente reso idoneo l’ambiente deputato ad ospitarlo?
Evidentemente la maggioranza che amministra il paese ha ben altri pensieri per la testa. Probabilmente qualcuno, vista l’importanza dell’iniziativa, avrà concentrato la propria attenzione sul tornaconto politico che tale evento potrà offrirgli (specie in via di elezioni future), senza considerare che – sfruttando l’occasione – avrebbe potuto completare almeno parte di un cumulo di richieste pendenti da tempo. Tra queste sicuramente l’ottimizzazione dell’area PIP di Garaguso Scalo.
Le critiche, logicamente, non mancano. A detta di molti cittadini ed imprenditori della zona, infatti, la macchina amministrativa di Garaguso sembra non essere mai partita. Di questo passo, però, più passa il tempo e più sarà difficile rimediare a tutto ciò che non è mai stato realizzato.

 



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi