Incendi in Piemonte. Mail bombing Enpa alla Regione: stop alla caccia, subito

Roma – L’Ente Nazionale Protezione Animali ha lanciato un mail bombing attraverso la propria pagina Facebook per chiedere alla Regione la chiusura immediata della stagione venatoria. E’ inconcepibile che, mentre la regione chiede il riconoscimento dello stato di calamità, non si faccia nulla per tutelare gli animali, uccisi a mlioni dalle fiamme e massacrati anche dai fucili dei cacciatori.

Il Piemonte è alle prese con una devastazione senza precedenti  che ha colpito boschi, animali, paesi, sicurezza delle persone, attività economiche con conseguenze gravissime e  durature. Per la fauna e la biodiversità sopravvissute alle fiamme  l’emergenza continuerà a lungo: intere generazioni di selvatici  stanziali perdute, cancellazione di ecosistemi preziosi per la sosta e l’alimentazione dei migratori. Dopo l’inferno, in Piemonte non può esserci altro se non il silenzio venatorio. Non bastano provvedimenti isolati e parziali che non proteggono gli spostamenti degli animali dopo la fuga, stremati come sono. Non è accettabile, anche per la coscienza collettiva, permettere che gli animali in fuga dalle fiamme o in cerca di acqua e cibo trovino ad aspettarli le bocche dei fucili.

Fermare le caccia è ache una misura di pubblica sicurezza, per evitare che le doppiette possano ostacolare o interferire con l’attività dei soccorritori ancora impegnati contro nello spegnimento dei roghi, ai quali va tutta la profonda gratitudine della nostra associazione.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi